I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Fisco e Dintorni
Lidi balneari e opere abusive: nulle le multe "tardive"
Pres. Fed. Imprese Demaniali Salento Mauro Della Valle

Rivoluzionaria sentenza del Tribunale di Lecce annulla le sanzioni ai lidi balneari perché notificate in ritardo. Interviene anche il Presidente della Federazione Imprese Demaniali Salento.

Sono illegittime le sanzioni irrogate dall’Agenzia delle Dogane agli stabilimenti balneari – in caso di opere non autorizzate (pedane o altri manufatti) – se notificate oltre 90 giorni dall’accertamento della violazione.

Come chiarito dal difensore del titolare del lido balneare, l’Avv. Matteo Sances, il Tribunale di Lecce, con sentenza n.2593 del 10/11/2020, ha sostanzialmente dichiarato che “…il funzionario dell’Ufficio delle Dogane …. all’esito del sopralluogo … riscontrava la presenza di opere in violazione del disposto di cui all’art. 19 dlgs n.374/1990, tale illecito risulta contestato ex art.14 legge 689/81 solo con atto notificato 11.11.2015 e quindi oltre il termine di 90 giorni”.

Ebbene, i giudici hanno quindi stabilito che i funzionari, una volta effettuato il sopralluogo presso il lido balneare (e l’accertamento della presunta violazione), possono aprire un procedimento che non può durare all’infinito (magari con sanzioni inviate dopo mesi o anni) ma che deve invece concludersi necessariamente entro il termine di DECADENZA di 90 giorni.

Proprio alla luce di tali principi, i giudici non solo hanno disposto l’annullamento della sanzione tardiva ma hanno anche condannato l’Agenzia delle Dogane al pagamento delle spese processuali. La sentenza risale a novembre 2020 ma in questi giorni risulta passata in giudicato poiché non impugnata dall’Amministrazione.

Sul punto interviene anche il Presidente della Federazione Imprese Demaniali Salento, aderente a Oasi Salento e Puglia, Mauro Della Valle, il quale afferma “Provo rammarico a constatare che gli imprenditori balneari possano trovare giustizia soltanto nelle aule di Tribunale. Gli enti accertatori dovrebbero essere i primi ad agire applicando correttamente la normativa ma questo non sempre accade e comporta un inutile dispendio di denaro e di tempo che potrebbero essere meglio utilizzati per l'attività”.

Ci auguriamo, dunque, che questa sentenza possa contribuire a creare uno spirito di maggiore collaborazione tra Amministrazione e stabilimenti balneari.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    #lidibalneari #multetardive #avvsances #maurodellavalle
    in evidenza
    Fine dell'Ue, terremoti, siccità... Nostradamus, le profezie 2022

    Che cosa accadrà il prossimo anno

    Fine dell'Ue, terremoti, siccità...
    Nostradamus, le profezie 2022

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, inverno sconvolto dalla Niña. Neve in pianura già a dicembre

    Meteo, inverno sconvolto dalla Niña. Neve in pianura già a dicembre


    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Ford Focus: un accurato restyling aggiorna look e tecnologie

    Nuova Ford Focus: un accurato restyling aggiorna look e tecnologie


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.