A- A+
Il Sociale
Adolescenti nigeriane e dall'Est: i "piccoli schiavi" del 2015

Sfruttamento sessuale per le giovani nigeriane e molte adolescenti dell'Est, quest'ultime spostate dai loro paesi in Italia anche per essere sfruttate in borseggi e furti in appartamento. Sfruttatti sul lavoro i  minori egiziani non accompagnati , il cui numero - in diminuzione nei primi mesi del 2015  sta registrando nuovamente una crescita. sono i tanti volti delle vittime della tratta raccontati nel Dossier 2015 "Piccoli schiavi invisibili - Le giovani vittime di tratta e sfruttamento" di Save the Children, organizzazione dedicata dal 1919 a salvare i bambini e tutelarne i diritti - diffuso oggi alla vigilia della Giornata Onu in ricordo della schiavitu' e della sua abolizione(23 agosto).

Il fenomeno della tratta si conferma persistente e colpisce soprattutto i minori migranti: dal 2012 ad oggi sono 1.679 le vittime accertate, di cui una quota significativa è costituita da minori. In particolare, dal 2013 al 22 giugno 2015 sono 130 i minori vittime di tratta inseriti in progetti di protezione: la Nigeria il principale paese di provenienza, seguita da Romania, Marocco, Ghana, Senegal e Albania. Le giovani vittime sono forzate soprattutto a prostituirsi e sfruttate sessualmente ma si rilevano anche altre forme di tratta e sfruttamento, quale quello in attivita' illegali, in particolare fra le adolescenti di origine rom e romena, in associazione, spesso, a matrimoni precoci, e lo sfruttamento lavorativo fra i minori migranti, in particolare egiziani. Tra i minori vulnerabili e a rischio anche i minori afgani ed eritrei in transito nel nostro paese. Sono 7.357 i minori migranti arrivati in Italia via mare da soli dall'inizio dell'anno.
"La tratta e lo sfruttamento di bambini e adolescenti rappresenta uno dei risvolti piu' drammatici dei fenomeni migratori e nel momento in cui l'Italia e l'Europa sono chiamate a prendere decisioni chiave per le sorti di tanti migranti in arrivo, ricordiamoci che, fra di essi, ci sono centinaia di minori inseriti in circuiti di feroce sfruttamento o che rischiano di caderci e che quindi dobbiamo riuscire a intercettare, accogliere e proteggere adeguatamente, assicurando loro anche percorsi di scolarizzazione ed integrazione che diano un'alternativa al lavoro sfruttato", dichiara Raffaela Milano, Direttore Programmi Italia-Europa di Save the Children.  (Redattore sociale)

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
schiavitratta
in evidenza
CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

Corporate - Il giornale delle imprese

CDP, ospitato FiCS a Roma
Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

i più visti
in vetrina
Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


casa, immobiliare
motori
Nasce a Torino Stellantis Italy House, la casa della sostenibilità

Nasce a Torino Stellantis Italy House, la casa della sostenibilità


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.