A- A+
Il Sociale
“Kenya. Una guida di turismo responsabile”

In questa guida scoprirete un Kenya differente, distante dalla costa e immerso nella splendida regione della Rift Valley, nelle contee di Nakuru e Baringo. Dalla sconosciuta - e unica! - foresta pluviale di Mau, a oltre 2.700 metri d’altezza, fino alla barca a motore che vi farà volare sull’acqua del lago Baringo, ospiti delle comunità Ilchamus. E poi la savana adagiata nella caldera di Menengai, alle spalle di Nakuru, la riserva di Crescent Island bagnata dalle acque dolci del lago di Naivasha, la Kerjo Valley e la cittadina di Iten, battuta da atleti e campioni del fondo. Per finire a contemplare l'esercito pacifico di 1 milione di fenicotteri rosa, “fuggiti” sul pelo del salatissimo lago Bogoria.

Non viaggerete certo da soli: vi accompagneranno e vi faranno strada le comunità protagoniste dei progetti di cooperazione internazionale della Ong Mani Tese a sostegno del turismo responsabile e della tutela della biodiversità della regione, in particolare quello dedicato alle “Economie locali, tutela della biodiversità e sviluppo del turismo responsabile”, coordinato dalla Ong italiana e sostenuto da Regione Lombardia e Fondazione Cariplo.
Incontrerete ad esempio la comunità degli Ogiek, respinta ed emarginata nella foresta montana, assaggerete il suo miele d’altura biologico e naturale che Slow Food ha dichiarato proprio “presidio”.

O scoprirete la filiera del presidio Slow Food della pecora di Molo, conoscendo lo sviluppo alternativo e solidale del gruppo di donne del Karunga Group, che ne lavora la lana e immette in circuiti fair trade i prodotti finiti.

Un viaggio che può essere “fai da te” ma che si può valere dell'organizzazione di ViaggieMiraggi,  cooperativa sociale-tour operator nata alla fine degli anni 90 che ha fornito una consulenza in ambito turistico ai protagonisti del progetto, supportando la giovane agenzia Terra Madre (terramadresafaris.kbo.co.ke, www.viaggiemiraggi.org).

La guida fa parte del progetto “Economie locali e tutela delle biodiversità: sviluppo del turismo responsabile e valorizzazione delle filiere agro-alimentari nel bacino del fiume Molo”, realizzato in Kenya da Mani Tese, Slow Food, WWF Italia, Necofa, Slow Food Kenya e sostenuto da Regione Lombardia e Fondazione Cariplo nell’ambito del bando “Favorire uno sviluppo sostenibile 2012”. Mani Tese ha iniziato ad operare in Kenya dal 2011 per lavorare declinare qui la sua mission, un “impegno di giustizia”, per preservare la biodiversità, la sicurezza e la sovranità alimentare, e stare a fianco delle comunità e  dei piccoli produttori per valorizzare le loro produzioni.

Con l'introduzione di Piero Sardo, presidente della Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus e la postfazione di Valerio Bini, presidente di Mani Tese e numerosi altri contributi.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
kenyaguidaturismoresponsabile
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


casa, immobiliare
motori
Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana

Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.