A- A+
Il Sociale
Stop alla pena di morte in Mississippi

Uno spiraglio per chi si batte per l'abolizione della pena di morte negli Stati Uniti. Un giudice federale americano ha temporaneamente bloccato lo Stato del Mississippi dall'eseguire le condanne alla pena capitale. Tutto è nato da una causa intentata da tre detenuti e basata sull'utilizzo di un mix di medicinali che, sostengono, non garantisce 'una morte senza sofferenza' come dovrebbe.
 
La sfida legale è possibile appellandosi all'ottavo emendamento della Costituzione americana, che proibisce punizioni crudeli e disumane. La questione è da tempo al centro del dibattito sulla pena di morte dopo che in diversi episodi l'anestetico utilizzato non è risultato efficace al 100%, sottoponendo i condannati a una dolorosa agonia.
 
A giugno la Corte suprema si era schierata, con un solo voto di scarto, a favore del discusso mix di droghe usato da diversi Stati americani.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
pena di morte
in evidenza
Vlahovic, Martial e anche... Mercato, Juventus scatenata

Grandi manovre a gennaio

Vlahovic, Martial e anche... Mercato, Juventus scatenata

i più visti
in vetrina
Paola Iezzi, la quarantena hot della cantante - FOTO

Paola Iezzi, la quarantena hot della cantante - FOTO


casa, immobiliare
motori
Nissan svela la versione speciale JUKE Kiiro

Nissan svela la versione speciale JUKE Kiiro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.