Un'alleanza aperta a tutti coloro che dispongono di risorse, finanziarie e non, da mettere a disposizione per lo sviluppo del sistema no profit. E' quanto propone il manifesto "Fiducia e nuove risorse per la crescita del Terzo settore" che e' stato presentato e firmato oggi a Roma di fronte a piu' di trecento fra organizzazioni no profit, fondazioni e rappresentanti delle istituzioni. A promuovere l'iniziativa e' stato il gruppo Intesa Sanpaolo.

I primi firmatari sono l'Acri (Associazione di fondazioni e di casse di risparmio), la fondazione Cariplo, la Compagnia di Sanpaolo, la fondazione Cariparo, la fondazione Con il Sud, Forum del Terzo settore, l'Alleanza cooperative italiane e Banca prossima, l'Istituto del gruppo Intesa Sanpaolo che si dedica esclusivamente al no profit laico e religioso.

A seguito dell'incontro di oggi il manifesto verra' pubblicato sul sito manifestoperilnonprofit.it per raccogliere on-line le adesioni e verra' organizzata una serie di incontri regionali di "progettazione condivisa" in cui gli attori coinvolti si confronteranno con il non profit su problematiche e opportunita' di carattere generale e locale, con il coinvolgimento della pubblica amministrazione. I primi filoni di intervento saranno una campagna sull'efficienza energetica, una riflessione sull'accesso ai bandi europei, l'emissione di obbligazioni per lo sviluppo del non profit, paragonabili a titoli pubblici ma non gravanti sul patto di stabilita' e lo studio di una centrale di acquisto per il non profit che abbatte in modo considerevole i costi, consentendo alle organizzazioni di concentrarsi meglio sulla propria missione. Verranno infine avanzate proposte specifiche per promuovere la sostenibilita' dell'istruzione e della sanita' non profit.

Giovannini: in delega spazio per inserire Terzo settore  - "Nella delega fiscale in discussione al Senato vi e' un riferimento alla revisione della tassazione a fini ambientali: c'e' ancora spazio per inserire nel provvedimento anche la dimensione sociale, altrettanto importante come l'ambiente per la sostenibilita' dell'economia italiana". Lo ha detto il ministro del Lavoro Enrico Giovannini concludendo alla Camera l'incontro per la firma del manifesto sottoscritto dalle associazioni del nonprofit e le fondazioni bancarie. "Il terzo settore e' una opportunita' straordinaria per includere e far capire ai giovani che ci sono opportunita' che nel loro immaginario non conoscono", ha detto ancora Giovannini.

Guzzetti (Acri): passare al welfare di comunita' - In un momento di grave crisi che tocca anche il nonprofit con una contrazione generale degli investimenti pubblici, occorre mettere in campo nuove forme di finanziamento e di collaborazione tra pubblico-privato che rinnovino la fiducia in questo settore determinante per la crescita economica e civile del paese. Lo ha detto il presidente dell'associazione di Fondazioni e di Casse di risparmio, Giuseppe Guzzetti, al convegno organizzato alla Camera per la firma di un manifesto di intesa tra istituti bancari e associazioni del Terzo settore.

Boldrini: Terzo settore argine a intolleranza e disagio - "In occasione della presentazione del Manifesto 'Fiducia e nuove risorse per il Terzo Settore' organizzata dalla Banca Prossima per le Imprese Sociali e le Comunita', desidero rivolgere a tutti i partecipanti il mio caloroso saluto e un sincero augurio di riuscita dell'evento", dice la presidente della Camera dei deputati, Laura Boldrini, a Marco Morganti, amministratore delegato di Banca Prossima per le Imprese Sociali e le Comunita', nel messaggio in cui sottolinea che "il Terzo Settore rappresenta una realta' straordinariamente vasta, ricca e dinamica che lega fra loro organizzazioni private del volontariato, dell'associazionismo, della cooperazione sociale ed internazionale; tutte realta' che operano per il perseguimento di un modello sociale fondato sulla dignita' e la promozione della persona, sul valore della partecipazione dei cittadini alla vita politica, economica e sociale del Paese, sull'interesse generale ed il bene comune". "La drammatica crisi economica che, da alcuni anni, ha investito i Paesi industrializzati si e' estesa - avverte - a tutti gli ambiti della vita sociale, creando nuove poverta', alimentando senso di insicurezza e di precarieta' e logorando quei legami sociali che dovrebbero unire i cittadini in un forte sentimento di appartenenza a valori e a vincoli solidali comuni". "E' in queste fasi cosi' difficili, che possono, tra l'altro, rappresentare terreno fertile per l'emergere di nuove forme di intolleranza e di pregiudizi, che il Terzo settore propone alla collettivita' la sua missione: affermare una strategia del benessere sociale diffuso, mobilitando energie di volontariato e solidarieta' verso un nuovo orizzonte di democrazia piu' attiva e partecipata attraverso la sua straordinaria capacita' di attenzione all'altro e di sostegno verso i piu' deboli, che molte volte ho potuto personalmente verificare anche nella mia esperienza presso le Agenzie delle Nazioni Unite", dice ancora Boldrini.

2013-12-04T15:26:53.53+01:002013-12-04T15:26:00+01:00truetrue956116falsefalse232Il Sociale/sociale413101339572013-12-04T15:26:53.577+01:009572013-12-04T15:40:48.62+01:000/sociale/terzo-settore-nasce-alleanza-banche-imprese041213false2013-12-04T15:30:59.417+01:00310133it-IT102013-12-04T15:26:00"] }
A- A+
Il Sociale

 

sociale

Un'alleanza aperta a tutti coloro che dispongono di risorse, finanziarie e non, da mettere a disposizione per lo sviluppo del sistema no profit. E' quanto propone il manifesto "Fiducia e nuove risorse per la crescita del Terzo settore" che e' stato presentato e firmato oggi a Roma di fronte a piu' di trecento fra organizzazioni no profit, fondazioni e rappresentanti delle istituzioni. A promuovere l'iniziativa e' stato il gruppo Intesa Sanpaolo.

I primi firmatari sono l'Acri (Associazione di fondazioni e di casse di risparmio), la fondazione Cariplo, la Compagnia di Sanpaolo, la fondazione Cariparo, la fondazione Con il Sud, Forum del Terzo settore, l'Alleanza cooperative italiane e Banca prossima, l'Istituto del gruppo Intesa Sanpaolo che si dedica esclusivamente al no profit laico e religioso.

A seguito dell'incontro di oggi il manifesto verra' pubblicato sul sito manifestoperilnonprofit.it per raccogliere on-line le adesioni e verra' organizzata una serie di incontri regionali di "progettazione condivisa" in cui gli attori coinvolti si confronteranno con il non profit su problematiche e opportunita' di carattere generale e locale, con il coinvolgimento della pubblica amministrazione. I primi filoni di intervento saranno una campagna sull'efficienza energetica, una riflessione sull'accesso ai bandi europei, l'emissione di obbligazioni per lo sviluppo del non profit, paragonabili a titoli pubblici ma non gravanti sul patto di stabilita' e lo studio di una centrale di acquisto per il non profit che abbatte in modo considerevole i costi, consentendo alle organizzazioni di concentrarsi meglio sulla propria missione. Verranno infine avanzate proposte specifiche per promuovere la sostenibilita' dell'istruzione e della sanita' non profit.

Giovannini: in delega spazio per inserire Terzo settore  - "Nella delega fiscale in discussione al Senato vi e' un riferimento alla revisione della tassazione a fini ambientali: c'e' ancora spazio per inserire nel provvedimento anche la dimensione sociale, altrettanto importante come l'ambiente per la sostenibilita' dell'economia italiana". Lo ha detto il ministro del Lavoro Enrico Giovannini concludendo alla Camera l'incontro per la firma del manifesto sottoscritto dalle associazioni del nonprofit e le fondazioni bancarie. "Il terzo settore e' una opportunita' straordinaria per includere e far capire ai giovani che ci sono opportunita' che nel loro immaginario non conoscono", ha detto ancora Giovannini.

Guzzetti (Acri): passare al welfare di comunita' - In un momento di grave crisi che tocca anche il nonprofit con una contrazione generale degli investimenti pubblici, occorre mettere in campo nuove forme di finanziamento e di collaborazione tra pubblico-privato che rinnovino la fiducia in questo settore determinante per la crescita economica e civile del paese. Lo ha detto il presidente dell'associazione di Fondazioni e di Casse di risparmio, Giuseppe Guzzetti, al convegno organizzato alla Camera per la firma di un manifesto di intesa tra istituti bancari e associazioni del Terzo settore.

Boldrini: Terzo settore argine a intolleranza e disagio - "In occasione della presentazione del Manifesto 'Fiducia e nuove risorse per il Terzo Settore' organizzata dalla Banca Prossima per le Imprese Sociali e le Comunita', desidero rivolgere a tutti i partecipanti il mio caloroso saluto e un sincero augurio di riuscita dell'evento", dice la presidente della Camera dei deputati, Laura Boldrini, a Marco Morganti, amministratore delegato di Banca Prossima per le Imprese Sociali e le Comunita', nel messaggio in cui sottolinea che "il Terzo Settore rappresenta una realta' straordinariamente vasta, ricca e dinamica che lega fra loro organizzazioni private del volontariato, dell'associazionismo, della cooperazione sociale ed internazionale; tutte realta' che operano per il perseguimento di un modello sociale fondato sulla dignita' e la promozione della persona, sul valore della partecipazione dei cittadini alla vita politica, economica e sociale del Paese, sull'interesse generale ed il bene comune". "La drammatica crisi economica che, da alcuni anni, ha investito i Paesi industrializzati si e' estesa - avverte - a tutti gli ambiti della vita sociale, creando nuove poverta', alimentando senso di insicurezza e di precarieta' e logorando quei legami sociali che dovrebbero unire i cittadini in un forte sentimento di appartenenza a valori e a vincoli solidali comuni". "E' in queste fasi cosi' difficili, che possono, tra l'altro, rappresentare terreno fertile per l'emergere di nuove forme di intolleranza e di pregiudizi, che il Terzo settore propone alla collettivita' la sua missione: affermare una strategia del benessere sociale diffuso, mobilitando energie di volontariato e solidarieta' verso un nuovo orizzonte di democrazia piu' attiva e partecipata attraverso la sua straordinaria capacita' di attenzione all'altro e di sostegno verso i piu' deboli, che molte volte ho potuto personalmente verificare anche nella mia esperienza presso le Agenzie delle Nazioni Unite", dice ancora Boldrini.

Tags:
bancheimpreseterzo settore
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli

Scatti d'Affari
Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli


casa, immobiliare
motori
Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.