A- A+
Sport
conte berlusconi zeman

CONTE "ALLENAMENTO ALLE 8 PREVISTO E NON PUNIZIONE. MILAN IN LOTTA PER LO SCUDETTO". E SU BERLUSCONI... 

Il tecnico della Juventus rispedisce al mittente le insinuazioni sulla punizione che avrebbe imposto alla squadra dopo la sconfitta di Roma, e cioe' l'allenamento alle 8 di mattina.

"E' lo stesso orario di quando facciamo dei test. Era una cosa gia' programmata, penso sia azzardato dire che c'e' stato da parte mia una punizione, non ho niente da punire", ha detto Conte a margine della consegna della panchina d'oro, "grazie a questi ragazzi sono stato premiato oggi, grazie a loro ho vinto uno scudetto, non c'e' niente da punire".

Resta il fatto che a Roma si sono visti giocatori fuori condizione (Vidal, Vucinic, Asamoah) e altri che hanno deluso (Pogba che tatticamente non ha soddisfatto): situazioni che vanno sistemate in fretta perché il Napoli anche se ha perso una mezza occasione contro la Sampdoria resta vicino e col lo scotnro diretto del San Paolo che potrebbe riportarlo a contatto.  Poi rimette il Milan (a meno 11) in lotta per il titolo: "Anche i rossoneri possono battersi per lo scudetto, adesso non c'è piu' nulla da scherzare, bisogna giocare come fossimo in una finale mondiale". Poi carica la squadra. "Vero che il Napoli ha pareggiato in casa con la Samp, ma io penso a casa nostra, penso che dobbiamo tornare prima possibile a vincere. Il passo falso lo abbiamo fatto noi sabato all'Olimpico, le sconfitte vanno vissute nel modo giusto ma senza sorrisi perché perdere non deve mai farci piacere". E punge Silvio Berlusconi: "Come si ferma Messi? Con il fucile... Il patron del Milan ha detto che va marcato a uomo? A me Andrea Agnelli non propone mai nulla. E, aggiungo, per fortuna".

CONTE, PANCHINA D'ORO STIMOLO PER FARE SEMPRE MEGLIO - "E' un bellissimo riconoscimento perche' viene dai colleghi, sono contento". Lo ha detto il tecnico della Juventus Antonio Conte, commentando la vittoria della panchina d'oro: "E' uno stimolo per migliorare e cercare di fare sempre meglio" ha detto Conte.

ZEMAN PANCHINA D'ARGENTO "GRAZIE A PESCARA E GIOCATORI. NESSUN RIMORSO PER QUANTO FATTO A ROMA. HO VOTATO CONTE" - "I ringraziamenti piu' grandi per questa mia vittoria vanno alla societa' Pescara ed ai giocatori che ho allenato, che mi hanno permesso di fare il calcio come piace a me". Lo ha dichiarato Zdenek Zeman al momento di ricevere la "panchina d'argento" per la stagione 2011-2012 presso il Centro tecnico di Coverciano.

Poi ha parlato del suo ritorno finito male a Roma: "Non mi pento di niente di quanto fatto quest'anno, Sono arrivato a Roma perche' volevo fortemente la Roma, mi dispiace solamente di non essere riuscito a fare cio' che avevo in testa e per quello che secondo me aveva la squadra come potenzialita'".

"Mi fa piacere che c'e' tanta gente che ha creduto e crede ancora in me - continua il boemo - Dove ricominciare? Non ci ho ancora pensato". Da Zeman parole al miele per Totti. "Aspetto di andare a festeggiare con lui il superamento dei gol di Nordhal. Gli manca poco per raggiungere questo traguardo". E svela: "Ho votato Conte per la 'Panchina d'oro', penso che abbia fatto meglio di tutti l'anno scorso - ha aggiunto ancora Zeman - Ha creato una mentalita' vincente alla Juventus, giocando anche un grande calcio".

CAPELLO "GIUSTO PREMIO A CONTE, STRAMACCIONI E' GIOVANE" - Campionato, allenatori, giocatori. A Coverciano nelle vesti di 'professore', Fabio Capello parla dell'attualita' italiana, a partire dalla consegna della Panchina d'Oro ad Antonio Conte. "Non c'erano dubbi che il vincitore sarebbe stato lui, mi associo da lontano a questo premio che mi sembra piu' che meritato", l'elogio ai microfoni di Sky Sport del tecnico di Pieris, convinto che la scuola italiana continui a produrre ottimi allenatori, a patto pero' di avere pazienza. "Conte ha fatto la sua esperienza, e' stato a Bari, a Siena, a Bergamo e si presenta con un curriculum di partite giocate importante mentre Stramaccioni e' un po' piu' giovane e bisogna dargli tempo ma me ne parlano tutti bene. Un azzardo affidargli subito la panchina dell'Inter? Un allenatore capisce dagli errori e si migliora, lui ha bisogno di migliorarsi anche se una squadra come l'Inter non puo' permettersi tanti errori, cosi' come Juve o Milan. Sono squadre di vertice che devono essere sempre protagoniste".

A Conte la panchina d'oro, a Zeman quella d'argento - E' Antonio Conte, allenatore della Juventus, il vincitore della Panchina d'oro, premio assegnato al miglior allenatore della Serie A per la stagione 2011-12 secondo il giudizio degli stessi allenatori. Il premio - riferisce ''Calciomercato.com'', e' stato assegnato questa mattina al Centro tecnico Figc di Coverciano. ''Ringrazio per questo premio ambitissimo per chi fa la nostra professione, ringrazio chi mi ha votato e chi no, e' un premio che mi spinge a cercare di migliorare sempre'', ha detto Conte. La Panchina d'argento per la Serie B, invece, e' stata assegnata Zdenek Zeman, lo scorso anno alla guida del Pescara. Infine, Panchina d'oro della Prima Divisione a Domenico Toscano (Ternana) e Panchina d'argento per la Seconda divisione a Francesco Battistini (Perugia).

Tags:
contezemanjuveromapescara

i più visti

casa, immobiliare
motori
MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.