A- A+
Sport
Cristiano Ronaldo, ultimatum Al Nassr. Georgina Rodriguez: "L'anno più difficile della mia vita"
Cristiano Ronaldo - Georgina Rodriguez (foto Lapresse)

Cristiano Ronaldo, 250 milioni dall'Al Nassr ma sta per scadere l'ultimatum dall'Arabia Saudita

Cristiano Ronaldo sembra destinato all'Al Nassr. CR7 vorrebbe ancora un top club europeo dopo il divorzio dal Manchester United (prima del Mondiale in Qatar si era parlato soprattutto di un possibile ritorno di fiamma del Chelsea che già lo aveva cercato in estate), ma l'offerta per andare a giocare in Medioriente sino al 2025 sembra irrunciabile: si parla di circa 250 milioni a stagione tra stipendio e (soprattutto) sponsor. Il portoghese però, secondo Marca, ha una deadline per dare l'ok: entro la fine del 2022.

Cristiano Ronaldo, niente ritorno al Real Madrid. Al Nassr e il sogno Mondiali 2030 in Arabia Saudita

Non solo: il giornale sportivo spagnolo ha raccontato la voglia di CR7 di tornare a essere un giocatore del Real Madrid, ma la dirigenza dei Blancos non ha preso in considerazione l'ipotesi limitandosi ad offrire al 5 volte Pallone d'Oro l'ospitalità nei giorni scorsi per allenarsi dopo la fine del Mondiali in Qatar e mantenere una buona condizione fisica. L'arrivo di Cristiano Ronaldo in Arabia Saudita all'Al Nassr stando ad alcuni rumors è una mossa per far da volano alla candidatura del Paese ad ospitare i Mondiali 2030. Ora però tocca a CR7 decidere: andare nella squadra allenata da Rudi Garcia o cercare magari una squadra in Europa da Champions League (abbassando le richieste economiche) per rilanciare la sua sfida a distanza con Messi che, dopo la vittoria in Qatar, ha dato dato sprint alla Pulce nella considerazione pubblica.

 

Georgina Rodriguez parla della perdita del figlio: «Il momento più felice è diventato il più triste»

Intanto Georgina Rodriguez ha parlato della disperazione provata quando le hanno detto che uno dei due gemelli che aspettava da Cristiano Ronaldo era morto. "Quest’anno è stato il più complicato della mia vita - ha detto la compagna di CR7 in un’intervista per il numero di gennaio di Elle Spagna -. Il momento più felice è diventato anche il più triste. E quello che è successo è qualcosa che mi accompagnerà per sempre e che noi non potremo mai dimenticare".

Il 18 aprile scorso il maschietto che Georgina stava aspettando è morto durante il parto, mentre la sorellina Bella Esmeralda è sopravvissuta e oggi ha nove mesi. «I miei figli sono la cosa più importante che ho e ogni passo che faccio è segnato da loro. Sono una madre onnipresente, a volte pesante, ma non voglio perdermi niente», ha continuato la Rodriguez che, a proposito della sua storia con Ronaldo, ha riconosciuto che è grazie a questa se ha potuto fare cose che le sarebbero state altrimenti precluse, come salire sui red carpet e avere una serie tutta sua su Netflix («I Am Georgina», di cui a breve arriverà la seconda stagione).

«Sono la fidanzata del miglior calciatore al mondo - le parole della compagna di Cristiano Ronaldo - e il mio rapporto con lui mi ha permesso di realizzare molti dei miei sogni, ma ho sempre messo la stessa passione in tutto quello che ho fatto. Sinceramente non avrei mai immaginato di avere un mio reality show. La fama mi ha privato della libertà che avevo con l’anonimato, ma mi ha anche dato cose che non avrei mai potuto ottenere senza. È un sogno che si avvera. Ma la vita mi ha insegnato ad adattarmi a ogni momento e a ogni situazione e a non dimenticare mai da dove vengo o dove sto andando. Quando non avevo niente, tutto ciò di cui avevo bisogno era l’amore della mia famiglia e ora che ho tutto, apprezzo ancora di più chi si è sempre preso cura di me».

Iscriviti alla newsletter
Tags:
georgina rodriguezronaldoronaldo al nassr




in evidenza
Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”

La conduttrice vs Striscia la Notizia

Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”


in vetrina
Affari in Rete

Affari in Rete


motori
Lamborghini Urus SE: l'icona dei super SUV diventa ibrida

Lamborghini Urus SE: l'icona dei super SUV diventa ibrida

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.