A- A+
Sport
Giorgio Albani è morto: l'uomo che portò Merckx in Italia


Lutto nel mondo del ciclismo. E' morto la scorsa notte all'eta' di 86 anni Giorgio Albani. Soprannominato "il Professore" e' stato corridore professionista dal 1949 al 1959, indossando per dieci anni la maglia della Legnano e l'ultimo quella della Molteni. Ha vestito la maglia tricolore di campione d'Italia nel '56 e per due volte la maglia azzurra ai Mondiali. Ha vinto 7 tappe al Giro: il 17 maggio 1952, bruciando Magni e Coppi a Bologna, ha provato la gioia di indossare la maglia rosa.
 
Come direttore sportivo ha fatto grande la Molteni. Fu lui ad ingaggiare Merckx. "Con la scomparsa di Giorgio Albani perdiamo non solo una figura storica del ciclismo, ma anche un dirigente di eccezionale qualita'". Lo ha detto l'assessore regionale allo Sport e Politiche per i giovani di regione Lombardia Antonio Rossi - Giorgio e' stato uno dei personaggi simbolo di un ciclismo di altri tempi - ha concluso l'assessore -, che, dopo un'ottima carriera da corridore fu uno dei massimi artefici delle vittorie di un campionissimo come Eddy Merckx".

Tags:
ciclismoluttomorto
in evidenza
Leao perde la causa milionaria Pagherà 20 mln di risarcimento

Chiuso il caso con lo Sporting

Leao perde la causa milionaria
Pagherà 20 mln di risarcimento

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Mercedes-AMG è la musa ispiratrice del progetto di arte digitale NFT

Mercedes-AMG è la musa ispiratrice del progetto di arte digitale NFT


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.