A- A+
Sport

Lionel Messi e il padre Jorge sotto inchiesta con l'accusa di frode fiscale. Secondo la stampa spagnola ai due vengono contestati circa 4 milioni di euro, ovvero l'importo dei diritti di immagine che il fuoriclasse argentino del Barcellona ha percepito tra il 2007 e il 2009.

Il fascicolo contro il 26enne attaccante argentino del Barcellona e il padre Horacio e' stato aperto dalla procuratrice Raquel Amado presso la sezione istruttoria di Gava', la localita' costiera della Catalogna in cui risiede Messi, ma non e' ancora chiaro se il tribunale intenda procedere. L'accusa e' quella di avere presentato dichiarazioni dei redditi fraudolente per gli anni 2006, 2007, 2008 e 2009. Per sfuggire al fisco, la Pulce avrebbe simulato la cessione dei diritti d'immagine a societa' compiacenti con base in paradisi fiscali come Belize e Uruguay e, parallelamente, avrebbe stipulato contratti per farsi rappresentare da altre societa' con base in Gran Bretagna e Svizzera, Paesi europei con regimi fiscali favorevoli. In questo modo gli introiti transitavano da questi Paesi europei verso i paradisi fiscali con una "totale opacita'" rispetto alla Hacienda Publica, l'erario spagnolo. Messi e' uno degli atleti piu' pagati al mondo con i 15 milioni di euro all'anno che gli assicura il Barcellona e altrettanti dagli sponsor.

leo messi modificato 6
Tags:
lionel messifrode fiscaleguai
in evidenza
Formazione continua e lavoro Ecco come superare il mismatch

La visione di Fondo For.Te.

Formazione continua e lavoro
Ecco come superare il mismatch


in vetrina
Grandi Stazioni Retail, allestito a Milano Sensation on Ice

Grandi Stazioni Retail, allestito a Milano Sensation on Ice


motori
Opel: presenta la Astra Collection

Opel: presenta la Astra Collection

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.