A- A+
Sport
Maradona, morto il fratello Hugo: aveva 52 anni, era rimasto a vivere a Napoli
Hugo Maradona
IPA

Hugo Maradona, fratello minore di Diego, è morto a Napoli per una crisi cardiaca

Se ne va in una mattinata di sole a dicembre a Monte di Procida, a pochi passi dal mare dalla Napoli litoranea che aveva amato seguendo il suo fratello maggiore Diego. Hugo Maradona e' morto questa mattina a soli 52 anni, ucciso da un infarto che lo ha colpito nella sua casa. Il fratello minore di Diego va via un anno dopo il campione di famiglia, che lui poche settimane fa aveva anche celebrato a Napoli con il club azzurro che oggi lo ha ricordato sul proprio sito. Lui, Maradona junior, aveva vissuto un bel rapporto con il fratello, ma inevitabilmente nell'ombra proiettata dal talento di Diego. Era cresciuto nei campi in Argentina prima di sbarcare a Napoli nel 1987, quando a 18 anni gioco' una sola partita con la maglia azzurra prima di andare in prestito all'Ascoli, e poi al Rapid Vienna e al Rayo Vallecano.

Un centrocampista, Hugo Maradona, che metteva il suo talento in campo anche contro Diego, come ricorda l'Ascoli pubblicando sul proprio sito web una foto di Hugo che insegue il Pibe in campo in un Napoli-Ascoli. "Aveva militato - scrive il club bianconero - in serie A con l'Ascoli di Ilario Castagner nella stagione 1987-88 e formava con Walter Junior Casagrande la coppia straniera. Sono 19 le presenze collezionate in maglia bianconera, di cui 6 in Coppa Italia". Smesso il calcio giocato, Hugo Maradona comincio' ad amare il mestiere di allenatore dei ragazzini, con una scuola calcio.

Poi fece anche il tecnico di club delle serie dilettantistiche della Campania. Intanto per lui era partita una vita a Napoli, anzi, vicino al mare partenopeo, a Monte di Procida, dove nel 2016 ha sposato la sua seconda moglie, Paola, mentre i tre figli delle prime nozze vivono ormai da tempo negli Usa. "Bacoli - scrive Josi Della Ragione, sindaco di Bacoli - si stringe al dolore della famiglia Maradona, per la morte del caro Hugo. Abbraccio la moglie, Paola. Avevano scelto di vivere nella nostra terra. A Miliscola, al confine tra Bacoli e Monte di Procida. Ebbi l'onore, ed il piacere, di celebrarne le nozze civili. Fu un giorno emozionante e felice. Di Hugo ricordero' la semplicita'. Era sempre tra la gente.

Ed era diventato un figlio della comunita' flegrea". Con lui nella casa di Hugo anche il sindaco di Monte di Procida, Giuseppe Pugliese: i due primi cittadini stanno anche preparando un evento per ricordarlo. Hugo Maradona era rimasto legato alla citta' che era stata di Diego. Alle ultime comunali si era ipotizzata una sua candidatura in una lista civica di centrodestra, poi non se ne era fatto nulla anche per i problemi burocratici che avevano rallentato la sua richiesta di cittadinanza italiana. Nelle scorse settimane era stato invitato dal club azzurro allo stadio per la serata dedicata al giro della statua del Pibe nel ricordo a un anno della morte. Era con la moglie, aveva passato del tempo con Cannavaro, si era goduto la serata ricordando suo fratello. Ora va via anche lui. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
hugo maradonamaradona




in evidenza
Falchi-Crippa, prima uscita pubblica Matrimonio in vista? Quell'anello...

Le foto

Falchi-Crippa, prima uscita pubblica
Matrimonio in vista? Quell'anello...


in vetrina
Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."

Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."


motori
Opel storiche,ci si vede a Ferrara il 14 Settembre

Opel storiche,ci si vede a Ferrara il 14 Settembre

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.