A- A+
Sport
Marocco in ginocchio davanti ai tifosi: la banalità della genuflessione

Mai si era visto nella storia dell'Islam, uomini di fede prostrarsi ad altri uomini, anzichè ad Allah

 
Il Marocco ha chiuso i Mondiali in ginocchio davanti ai propri tifosi. La cosiddetta pratica del "taking the knee",  indica esplicitamente che un unico ginocchio viene poggiato a terra.
 
Innocuo gesto simbolico per le masse che si nutrono di calcio e TV, ma ontologicamente ricco di significati per chi l'ha ideato. L’atto in questione si ispira a quello di Martin Luther King, che nel 1964 a Selma, in Alabama, si inginocchiò a sostegno del pieno e riconosciuto diritto di voto per gli afroamericani.
 
Nel 2016 entrò nel mondo sportivo quando Colin Kaepernick, giocatore della Nfl statunitense, lo riprese durante l’esecuzione dell’inno nazionale, in onore delle vittime afroamericane della polizia.
 
Successivamente si  diffuse in tutto il mondo anche nell'ambito militare e civile. Ma con una differenza, mentre nel passato il gesto presupponeva sostanziose valenze, nel presente viene strumentalizzato e banalizzato per veicolare ridicole battaglie ideologiche care unicamente ai cultori del sesso liquido,  o per infliggere risibili dispettucci agli avversari sportivi.
 
Parafrasando Hannah Arendt: la banalità della genuflessione! Qualsiasi dizionario spiega che la genuflessione è atto di devozione, riverenza o adorazione che si deve a Dio, o per i cristiani, al Sacramento eucaristico posto sull'altare o nel Tabernacolo.
 
In parole semplici, un atto di autoumiliazione o di servile adulazione che sin dalla notte dei tempi, l'uomo timorato di Dio praticava d'innanzi alle molteplici divinità.
 
A giudicare dalla patologica e virulenta diffusione del " taking the knee" è possibile arguire che l'uomo moderno occidentale, ha detronizzato Dio e intronizzato se stesso al rango di divinità da adorare. "Destituzione" che sembra aver intaccato anche il mondo della mezza luna.
 
Mai si era visto nella storia dell'Islam, uomini di fede prostrarsi ad altri uomini, anziché ad Allah. Meticciato, omologazione e laicizzazione non sono più miraggi irraggiungibili. Chi governa il mondo, sembra vincere su tutti i fronti. Sara così o papa Francesco farà sentire la sua potente voce?
O la offrirà all'altra parrocchia, più scaltra, luciferina, ed "illuminata"?
 
 
Iscriviti alla newsletter
Tags:
maroccomondialiqatartaking the knee




in evidenza
La vendetta di Taylor Swift in un brano: "ravenge song" contro il suo ex

L'attacco a Fernando Alonso

La vendetta di Taylor Swift in un brano: "ravenge song" contro il suo ex


in vetrina
Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove

Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove


motori
Alfa Romeo Giulietta Sprint, celebra 70 anni di storia

Alfa Romeo Giulietta Sprint, celebra 70 anni di storia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.