A- A+
Sport
Osimhen-Napoli, il retroscena: "Mai stato al Lille. Usato come plusvalenza"

Osimhen-Napoli, uno dei giovani coinvolti nell'operazione, Luigi Liguori, racconta di essere stato usato come plusvalenza ma di non essere mai stato a Lille

La Juventus è la squadra maggiormente coinvolta nell'indagine sulle pluvalenze fittizie, soprattutto per quanto riguarda il passaggio di Cristiano Ronaldo al Manchester United, ma non è l'unica. Anche il Napoli è finito nel mirino della Covisoc e in particolare per il trasferimento di Victor Osimhen dal Lille nell'estate dell'anno scorso. Oggi è stato svelato un nuovo retroscena sull'operazione da parte di uno dei giocatori coinvolti. La rivelazione è partita da Luigi Liguori, giovane attaccante che nel 20220 era in prestito alla Fermana in Serie C, il cui cartellino era stato valutato 4 milioni di euro ma che non si trasferì mai in Francia, così come il terzo portiere Karnezis e altre due promesse del club partenopeo.

Osimhen-Napoli, Luigi Liguori racconta la sua esperienza: "Mai stato a Lille. Mi hanno rovinato la carriera usandomi come plusvalenza"

"A giugno mi chiamò il Napoli e mi disse: vieni a Castel Volturno, dobbiamo parlare. Siamo andati io e il mio procuratore, la società ci ha offerto due opzioni: potevo rinnovare per un anno e restare, o accettare di andare al Lille e firmare per tre anni, entrando nell’operazione Osimhen. Voi che avreste fatto? Ne ho parlato con il mio agente e ho accettato. Il 30 giugno abbiamo firmato con il Lille. Però non siamo mai andati a Lille. Nemmeno per firmare. Hanno mandato i contratti a Napoli e abbiamo firmato a Castel Volturno", ha dichiarato Liguori in una intervista a La Repubblica. Lui, Karnezis e gli altri due giovani dopo essere rimasti in prestito in Italia per un'altra stagione rifiutarano il trasfermerimento al club francese.

"Noi non volevamo più andare in Francia,  - continua Liguori, oggi all'Ercolano in Serie D - allora ci hanno proposto di lasciare sul tavolo i due anni di contratto e accettare una buonuscita. Purtroppo io non sapevo tutto. Loro non è che ti dicono che volevano fare plusvalenza. Ci hanno detto solo: il Lille vuole tre giovani e noi abbiamo pensato a voi. Poi col passare delle settimane abbiamo scoperto tutto, ma ormai eravamo coinvolti, non potevamo più fare nulla. Con gli altri due ragazzi coinvolti nell’operazione ci sentiamo spesso e tra di noi ci diciamo: noi avevamo tre anni di contratto. Ci siamo bruciati per 'colpa' del Napoli. Perché noi non sapevamo nulla".

Il Napoli è stato poi indirettamente coinvolto anche in un'altra indagine della Procura sulle commissioni ai procuratori. Gli inquirenti hanno infatti richiesta documentazione per valutare la posizione di Fali Ramadani, procuratore di Koulibaly, e del collega Pietro Chiodi. Le accuse per i due sono di reati fiscali, riciclaggio e autoriciclaggio. Il club invece non è indagato ma considerato soggetto terzo in grado di fornire prove utili all'inchiesta.

Commenti
    Tags:
    lilleluigi liguorinapoliosimehplusvalenze fittizie




    in evidenza
    Affari in rete

    Guarda la gallery

    Affari in rete

    
    in vetrina
    Carrà, in vendita la villa all'Argentario. Prezzo (quasi) accessibile. FOTO

    Carrà, in vendita la villa all'Argentario. Prezzo (quasi) accessibile. FOTO


    motori
    Alpine Endurance Team alla 24 Ore di Le Mans: test day cruciale

    Alpine Endurance Team alla 24 Ore di Le Mans: test day cruciale

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.