A- A+
Sport
Superlega, Ceferin minaccia la Juve: dall'amicizia con Agnelli alla guerra
Alexander Ceferin e Andrea Agnelli: da amici a nemici, per colpa della Superlega (foto: LaPresse)

Il Presidente della Uefa Alexander Ceferin minaccia sanzioni nei confronti di Juventus, Real Madrid e Barcellona, le più decise sostenitrici della Superlega: “Ognuno dovrà subirne le conseguenze, non possiamo far finta di nulla. Per me c'è una chiara differenza tra i club inglesi e gli altri sei perché gli inglesi sono stati i primi a tirarsi indietro, ammettendo l'errore. Ci sono tre gruppi in questi dodici club: i sei inglesi, poi gli altri tre (Atletico Madrid, Milan e Inter, ndr) e poi quelli che considerano la Terra piatta e pensano che la Superlega esista ancora. E tra questi tre gruppi c'è una grande differenza. Tutti, comunque, saranno ritenuti responsabili. In che modo poi lo vedremo”.

E pensare che poco più di due anni fa, festeggiando la sua rielezione alla guida del calcio europeo, Ceferin garantiva: “Finché ci saremo io e Agnelli, non ci sarà mai la Superlega. Sarebbe noioso vedere PSG-Juventus tutte le settimane”. Il cambio di atteggiamento nei confronti del Presidente della Juventus è radicale: “Non ho mai visto una persona mentire così tante volte e così insistentemente come lui”, dice oggi Ceferin.

Come se gli interessi miliardari legati all'industria del pallone non fossero un motivo più che sufficiente per

dichiararsi guerra, nella curiosa vicenda sono entrati anche fattori molto personali: il numero uno della Uefa è stato padrino dell'ultima figlia di Agnelli e nelle concitate 48 ore di vita del progetto-Superlega ha anche chiamato sua moglie, perché lo aiutasse a stabilire un contatto con uno dei più decisi “ribelli”.

D'altra parte, Ceferin non è il tipo che abbia timore a prendere le armi in mano e non solo in senso metaforico. L'avvocato sloveno a 19 anni si arruolò nell'esercito dello Jugoslavia e nel 1991, durante la crisi che sgretolò il Paese balcanico in diverse nazioni, prese parte alla guerra dei dieci giorni che permise alla Slovenia di dichiararsi indipendente.

Si spiegano anche così le parole, affilate come lame, con cui Ceferin minaccia sanzioni nei confronti della “sporca dozzina” che ha tentato la scissione.

La precoce fine del progetto chiaramente rafforza Ceferin come numero uno del calcio europeo, nonché numero due di quello mondiale, essendo vicepresidente della Fifa guidata da Gianni Infantino, del quale è amico tanto quanto lo è di Michel Platini, suo predecessore alla guida dalla Uefa.

Commenti
    Tags:
    superlegaceferinagnelliuefaminaccia
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Wanda Nara vs la censura social Le nuove foto scaldano il web

    Belen, Diletta e.. scatti Vip

    Wanda Nara vs la censura social
    Le nuove foto scaldano il web

    i più visti
    in vetrina
    Lukaku, il Chelsea di Abramovic fa sul serio per strapparlo all'Inter

    Lukaku, il Chelsea di Abramovic fa sul serio per strapparlo all'Inter


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ineos Grenadier supera a pieni voti i test sulle Alpi

    Ineos Grenadier supera a pieni voti i test sulle Alpi


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.