A- A+
Sport
Tutti contro Novak Djokovic: perché il tennista serbo è il cattivo perfetto

Perché al tennista serbo non si perdona nulla?

SUL CASO DJOKOVIC, LEGGI ANCHE:

Djokovic indagato per false dichiarazioni all'Australia: rischia 12 anni

Caso Djokovic: il padre prima fa minacce e poi paragona Novak a Gesù Cristo

Caso Djokovic-Melbourne: "La pagherà cara, non è mica Kate Moss"

Nava accusa Djokovic di aver “confuso il ruolo di gloria nazionale con un malinteso e pericoloso patriottismo”. A parte che Nava nemmeno coglie cosa ha rappresentato per l’autostima dei serbi l’avvento della stella di Djokovic quindici anni fa, quando il paese era frustrato dalla povertà e dalle guerre perse e con un immagine internazionale simile a quella di un paria, l’esimio commentatore del Corriere dei poteri forti non sa che Djokovic interviene nella politica del suo paese, piaccia o meno, in maniera del tutto fuori dagli schemi politici: dagli appelli contro l’indipendenza del Kosovo in cui si trova a fianco dell’attuale governo di destra, alla recente posizione contro la realizzazione di una enorme miniera di litio da parte dell’australiana Rio Tinto, invece avallata dall’attuale governo. 

Questo resta un punto poco esplorato in Italia, che incrocia il fallimento delle politiche biosecuritarie del governo australiano, il pasticcio della federazione tennistica australiana in merito ai pass per partecipare agli Open e le enormi proteste popolari contro gli investimenti in Serbia dell’australiana Rio Tinto. Ma questi aspetti geopolitici interessano poco ai media italiani, che si fermano a un usuale “trattamento” di delegitimazione del no-vax Djokovic, somministrato già ad altri che hanno osato mettere in discussione l’idea che vi sia un’unica modalità per affrontare la pandemia. 

Arriviamo così alla notizia di oggi, l’annullamento del visto a Djokovic a seguito della decisione del ministro dell’immigrazione australiano Alex Hawke “per motivi di salute e buon ordine a tutela dell’ordine pubblico”. Chiaro che le vicissitudini del primo tennista al mondo vanno al di là dei capricci di una star mondiale e pongono alcuni quesiti: perché una persona in perfetta salute e con comprovata assenza di virus Sars-Cov2 dovrebbe rappresentare un rischio sanitario? Perché aver assunto un vaccino che oggi immunizza parzialmente per circa quattro mesi e non evita di essere contagiosi dovrebbe comportare maggiori diritti rispetto a chi preferisce o può pemettersi un tampone ogni 48 ore? Perché i no-vax e tutti coloro che esercitano legittimi dubbi sulla curvatura illiberale di tanti provvedimenti vengono additati come nemici della salute pubblica dai media e giornalisti mainstream e dati in pasto sui media sociali al conformismo dell’odio?

Quante scorie resteranno nella società dopo che si deciderà che la diffusione del virus non è un’emergenza paralizzante, ma una malattia oramai endemica da gestire (come sta facendo la Spagna) ed emergeranno gli abusi che la politica, le case farmaceutiche e i media hanno perpetrato ai danni del tessuto civile ed economico e della reputazione di migliaia di persone solo in Italia? Si tratta di domande che dovremmo iniziare a porci, anche per velocizzare l’uscita dall’emergenza biosecuritaria. 

Nel caso di Djokovic la sua generosità e simpatia non bastano a fargli perdonare i momenti di nervosisismo in campo che condivide con quasi tutti i suoi colleghi di uno sport che comporta maratone fisiche e mentali pesantissime: perché al tennista serbo non si perdona nulla? Ma così rischieremmo di scivolare nel vittimismo di cui accusano i serbi chi li accusa. Da parte nostra avanziamo un’interpretazione, che invece non intende solleticare lo sciovinismo dei serbi: se Nadal e Federer sono il Messi e il Cristiano Ronaldo del tennis contemporaneo (libero ognuno di attribuire ai due l’una o l’altra similitudine), Djokovic con il suo anticonformismo è una specie di Maradona salutista del tennis, un talento che non si limita a giocare, guadagnare e fare beneficienza, ma si espone socialmente e politicamente, e, a torto o a ragione, non deflette dal presentare e promuovere cause e principi lontani dall’ordinario. 

Proprio per questo Djokovic è odiato e al contempo ammirato per la sua capacità di uscire dalle convenzioni, di denunciare argomenti che opportunismo, ignoranza e quieto vivere la gran parte degli sportivi nemmeno sfiora. Un tale personaggio potrebbe mai essere apprezzato in una fase in cui bisogna accettare senza discussioni i provvedimenti e le decisioni dei governi? 

Commenti
    Tags:
    atp melbournenovak djokovicnovak djokovic coronavirus




    in evidenza
    Affari gastronomici/ Il direttore Perrino dialoga con gli chef Antonella Ricci e Vinod Sookar. La presentazione del libro di ricette "Dalla Puglia con amore"

    Guarda il video

    Affari gastronomici/ Il direttore Perrino dialoga con gli chef Antonella Ricci e Vinod Sookar. La presentazione del libro di ricette "Dalla Puglia con amore"

    
    in vetrina
    Una nuova speranza per i malati di Sla: la svolta è un farmaco per la leucemia

    Una nuova speranza per i malati di Sla: la svolta è un farmaco per la leucemia


    motori
    Nuova Audi RS Q8: record al Nurburgring

    Nuova Audi RS Q8: record al Nurburgring

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.