A- A+
Home
Stellantis, operaio muore schiacciato da un macchinario ad Avellino
Firenze, crollo cantiere Esselunga

Incidente sul lavoro, operaio muore schiacciato da un macchinario nello stabilimento Stellantis

Un operaio 52enne è morto all'interno dello stabilimento FCA Stellantis di Prato la Serra, nel nucleo industriale di Avellino. Domenico Fatigati, di Acerra, lavorava per conto di una ditta esterna di Foggia, quando è rimasto intrappolato in un macchinario del reparto basamento motore. I colleghi sono intervenuti subito in soccorso ma, quando l'uomo è stato estratto, era già morto. Inutili i tentativi di rianimarlo da parte dei sanitari del 118 accorsi sul posto. I carabinieri del comando provinciale di Avellino hanno avviato le indagini per ricostruire l'accaduto.

I dipendenti dello stabilimento Stellantis del nucleo industriale di Avellino sono in sciopero e si asterranno dal lavoro per tutta la giornata in segno di solidarietà verso la vittima, dipendente di una ditta esterna incaricata della manutenzione. L'iniziativa è stata presa dalle segreterie provinciali di Fim CISL, Fiom CGIL e Uilm Uil alle quali si è unita anche la Uglm Ugl e le Rsa dell'azienda FCA di Parola Serra. "Un lavoratore che aveva lasciato casa sua per poter svolgere la sua attività - si legge nella nota della Rsa - non tornerà più a casa sua. Nell'esprimere il cordoglio e la vicinanza di tutti i lavoratori della ex Fma alla famiglia del lavoratore deceduto, dichiarano uno sciopero a partire dalle ore 10.30 per tutta la giornata del 22 febbraio".

Incidenti sul lavoro: "I sindacati, servono regole appalti più severe"

"Questa mattina nello stabilimento Stellantis di Pratola Serra, in provincia di Avellino, un lavoratore di 52 anni di una ditta esterna di manutenzione in appalto ha tragicamente perso la vita. A distanza di pochi giorni dalla tragedia di Firenze e a poche ore dall'incidente mortale all'interno della pista di Nardò Technical Center, l'ennesimo morto legato alla catena degli appalti e dei subappalti". Lo sottolineano in una nota Fim,Fiom,Uilm, Fismi e Uglm.   

"Chiaramente saranno gli organi competenti ad accertare la dinamica dell’infortunio mortale di oggi, ma questa strage silenziosa di morti sul lavoro deve essere fermata.Il Governo e il sistema delle imprese - osservano i sindacati  - devono assumersi le proprie responsabilità. Occorre rimettere al centro delle scelte politiche del Governo il diritto alla salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro anche attraverso una nuova legislazione. Urgono regole specifiche per il sistema degli appalti, che troppo spesso si dimostra deteriore dal punto di vista delle tutele, del salario e perfino della sicurezza sul lavoro. Le imprese devono agire concretamente con investimenti e formazione sulla sicurezza senza ricercare alibi ogni qual volta si verifica un incidente. Esprimiamo tutta la nostra vicinanza e dolore alle famiglie dei lavoratori vittime di questi gravissimi infortuni mortali". 

Un'altra tragedia dopo il crollo del cantiere Esselunga a Firenze

Un'altra morte sul lavoro, un altro incidente, l'ennesimo. Proprio in questi giorni è giunta la notizia del ritrovamento del corpo della quinta vittima del crollo del cantiere Esselunga di via Mariti a Firenze. L'uomo era l'ultimo ad essere stato trovato dopo il crollo della trave, che ha causato la morte di cinque persone e il ferimento di altre tre.



in evidenza
Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi

Guarda le immagini

Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi


in vetrina
Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo

Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo


motori
Citroën inaugura a Parigi “Le Chëvron” per presentate la nuova e-C3

Citroën inaugura a Parigi “Le Chëvron” per presentate la nuova e-C3

Coffee Break

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.