A- A+
Viaggi

 

 

 

di Franca D. Scotti

 

Un tesoro sotterraneo è nascosto nel territorio della Repubblica Ceca. Sono le fonti di acque, ricchissime di minerali, che sgorgano in superficie a centinaia, nella Boemia occidentale, ai bordi e all'interno della foresta di Slavkov. Acque ricche di minerali e benefiche, che si bevono, si usano per bagni caldi, per impacchi, fanghi o inalazioni. Prodigiosamente efficaci per una serie di disturbi: della pelle,  dell'intestino,  delle articolazioni. Senza dimenticare l'effetto di ossigenazione e quindi di ringiovanimento cellulare.

Scoperte già nel medioevo e sfruttate spontaneamente, queste acque sono il tesoro che ha dato origine al "Triangolo d'oro" delle città termali della Repubblica Ceca. Sorte in epoche successive, hanno tutte l'impronta inconfondibile dell'architettura "fin de siècle", addirittura fiabesca. Frequentate da principi, re e imperatori, queste città termali non potevano essere altro che sontuose e fiabesche. Palazzi, castelli, torrioncini, stucchi bianchi e oro, colonnati e padiglioni in ghisa laccata, statue, pinnacoli, soffitti affrescati, coperture in vetro e ferro battuto, specchi e ottoni.

Il tutto sullo sfondo di meravigliosi giardini disegnati da architetti specializzati, boschi e parchi fittissimi. All'origine di queste città "d'oro" ci sono vicende casuali e diverse: una battuta di caccia del re Carlo IV nel 1350, in cui un  enorme cervo ferito cade in una sorgente calda e zampillante per Karlovy Vary, la scoperta da parte di un medico  e di un abate, della  sorgente Mariana che dà origine a Marianske Lazne nel primo '800,  la decisione dell'imperatore  Francesco I° di valorizzare gli stabilimenti  termali sorti, alla fine del '700, intorno ad una fonte dove si curavano contadini e popolani,  all'origine della terza città Frantiskovy Lazne.

Costruite in funzione delle cure termali, queste città hanno quindi un'impostazione di città giardino in cui si passeggia amabilmente, sostando a lungo, intrecciando le cure idroponiche  all'ascolto di orchestrine all'aperto, alle piacevoli conversazioni e alla contemplazione del passeggio altrui. Atmosfere eleganti e rilassate in cui si sfoggiavano le migliori toilettes e i  gioielli più preziosi, trascorrendo spesso anche intere stagioni, tra un ballo e un concerto, prima di tornare nella capitale.

Il soggiorno nelle  città termali diventava un appuntamento mondano, in cui tutti i potenti d'Europa s'incontravano e tessevano accordi, matrimoni, trattati, spartizioni di terre. E con loro frequentavano questo mondo dorato  intellettuali e artisti: Goethe, Beethoven, Chopin, Kipling, appassionati habitués, che costituiscono l'albo d'oro di queste città.  

Nell'800 e nei primi anni del '900, le cure si svolgevano nei famosi bagni, edifici sfarzosi con cabine attrezzate per tutti i trattamenti. Oggi gran parte di questi stabilimenti sono trasformati in hotel altrettanto sfarzosi, dove si può sognare di rivivere la Belle Epoque. In buona parte di questi hotel si svolgono le cure internamente, i reparti sono attrezzati perfettamente con tutte le più avanzate tecnologie e terapie del XXI°  secolo. Il fascino di un soggiorno in queste città, ovviamente, deriva proprio dagli ambienti in cui si svolgono le cure termali.

Esempio  eccellente é  l'hotel Nove Lanske, cinque stelle del gruppo Danubius che, a Marianske Lazne  ha un intero complesso di hotel, tutti collegati internamente. Dalle cabine di cura degli anni '10 sono state ricavate camere e suites che conservano le pareti piastrellate originali, mentre a pochi privilegiati è riservato il lusso di un bagno nella Sala da bagno reale fatta costruire dal re Edoardo VII d'Inghilterra, innamorato della città, e nel Bagno Imperiale, fatto costruire per la visita dell'imperatore Francesco Giuseppe.

A tutti gli ospiti dell'albergo, invece, è riservato  il piacere di immergersi nelle vasche del Bagno Romano decorato da colonne, marmi e mosaici. A Marianske Lazne, che all'inizio del '900, dopo la svizzera St.Moritz, era la località termale più cara e più lussuosa d'Europa,  altro must imperdibile é il famoso colonnato progettato da due architetti viennesi con la sua struttura merlettata di ghisa in stile neobarocco, dai ricchi particolari ornamentali.  E, di fronte al colonnato, la moderna "fontana cantante", unica nel suo genere, che a ore fisse lancia in aria i suoi getti d'acqua accompagnati da meravigliose melodie.

A Karlovy Vary, invece, simbolo dello sfarzo di altri tempi é il Bagno Imperiale aperto nel 1895, considerato uno tra i più lussuosi edifici del suo tempo, dotato di ogni comfort, cabine per massaggi, bagni caldi e a vapore, metodo Kneipp, elettroterapia. Tuttavia oggi si possono visitare solo alcuni saloni con soffitti affrescati, pareti di legno intarsiato e ricchi lampadari di cristallo, dove sono state girate alcune scene del film 007 Casino Royale.

Karlovy Vary presenta una disposizione scenografica lungo la stretta valle del Teplà e in alto sulle colline: dovunque si dispongono palazzi, caffè, ristoranti, hotel, negozi di moda, di porcellane e di cristalli. Punto di incontro odierno per tutta la città é anche il colonnato anni '70, costruito nell'età della Repubblica socialista, che contiene la famosa Polla, madre di tutte le sorgenti di Karlovy Vary: lo zampillo sale da una profondità di circa 2 chilometri lungo una profondissima frattura del terreno, lanciandosi ad un'altezza di 12 metri giorno e notte, ad una temperatura di 73°, la più calda tra tutte le fonti della città. Mentre le altre sorgenti riescono a produrre alcuni litri al minuto, la fumante Polla nello stesso tempo getta in superficie 2000 litri. Con una visita guidata si possono visitare anche i sotterranei della sorgente e scoprire la ricchezza delle incrostazioni minerali che fanno la fortuna di queste acque.

Se Karlovy Vary è la città più sfarzosa e scenografica, Frantiskovy Lazne é la più quieta e appartata. Dominata dal colore "giallo Asburgo", appare come una città giardino con i padiglioni eleganti, le fontane, i colonnati sparsi all'interno di enormi parchi che invitano al passeggio. Qua e là appaiono anche statue che ricordano il passaggio di personaggi illustri. La più famosa statua della città è dedicata a Frantik, (Franceschino), un bambino nudo che tra le braccia stringe un grosso pesce, e garantisce fertilità a tutte le signore ospiti della città.

Ente Nazionale Ceco per il Turismo Via G. B. Morgagni, 20, 20129 Milano, tel. 02 20422467
info-it@czechtourism.com
www.turismoceco.it
Ambasciata: www.mzv.cz/rome
Istituto culturale ceco http://milano.czechcentres.cz

Tags:
repubblica cecaviaggiterme
in evidenza
Peggior partenza dal 1961-62 Col Milan Allegri sbaglia i cambi

Disastro Juventus

Peggior partenza dal 1961-62
Col Milan Allegri sbaglia i cambi

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata

Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.