A- A+
Attualità
Jennifer Lopez: due anni di galera per il twerking sul palco

Potrebbe costare carissimo alla cantante americana Jennifer Lopez l'ultimo concerto in Marocco. La sua esibizione sul palco aveva scandalizzato già tanti politici marocchini per l'abbigliamento troppo essenziale dell'artista. Quando poi si è esibita nel twerking ha letterlamente scioccato il primo ministro marocchino, scrive Metro rilanciato da Dagospia, tanto da volerla far arrestare. Lo aveva definito: "Uno spettacolo vergognoso e sessualmente aggressivo". Per quel concerto sconcio di Rabat, il premier Abdelillah Benkirane vuole che qualche testa cada, a cominciare dagli organizzatori, senza escludere la Lopez. Ha scritto quindi all'Autorità per la comunicazione audiovisiva per ottenere: "un procedimento legale a carico dei responsabili", che si traduce in 2 anni di carcere per aver agitato il culo sul palco. Il premier nella lettera si è detto sorpreso che nessuno fosse intervenuto per interrompere la diretta dello "spettacolo indecente, con allusioni sessuali in conflitto con i valori morali e religiosi su cui si basa la società marocchina".

Tags:
jennifer lopezmaroccotwerking
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Hannibal mette a fuoco l'Italia Meteo, temperature fino a 35°

Hannibal mette a fuoco l'Italia
Meteo, temperature fino a 35°


casa, immobiliare
motori
Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.