I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lo sguardo libero
La vittoria di Giorgia Meloni, occasione di riconciliazione per gli italiani
Giorgia Meloni, 45 anni, potrebbe diventare la prima donna premier della Repubblica italiana

Alla finanza internazionale interessa la continuità di Governo

Durante il Ventennio tanta parte degli italiani aderì al fascismo, vuoi per convinzione, vuoi per convenienza. Da allora l’essere fascisti o antifascisti nelle famiglie del Belpaese è stata una caratteristica, un imprinting, come tifare per una squadra di calcio. Le leggi razziali hanno costituto il discrimen senza se e senza ma. Circa questo punto, Gianfranco Fini farà pubblica ammenda una volta per tutte.

Molti italiani dal dopoguerra in avanti, in particolare nel mondo culturale, dominato dalla sinistra, hanno dovuto nascondere il loro DNA fascista. È quindi naturale che la vittoria di Giorgia Meloni per alcuni possa essere vissuta come una riscossa. Come quei tifosi, riutilizzando la metafora calcistica, di quella squadra di calcio che dopo anni e anni vince il campionato dopo che era stata retrocessa d’ufficio in serie D.

Il successo di Fratelli d’Italia alle elezioni rappresenta un’occasione per il Paese per riconciliarsi. Rispetto al centrosinistra, rimangono le differenze in particolare sull’Europa e alcuni temi connessi ai diritti civili, ma alla finanza internazionale interessa la continuità di Governo

La libertà di stampa, o meglio la tentazione di condizionarla (ovvio tipica di ogni potere) sarà fondamentale. Tuttavia, il totalitarismo fu l’altro orrore, inferiore a quello delle leggi antiebraiche, che rimarrà ineguagliabile, ma pur sempre tale, del fascismo.

Iscriviti alla newsletter





in evidenza
Affari va in rete

MediaTech

Affari va in rete


in vetrina
Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini

Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini


motori
Luca De Meo CEO Renault Group, la visione dietro l'Alpine A290

Luca De Meo CEO Renault Group, la visione dietro l'Alpine A290

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.