I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lo sguardo libero
Questa volta il Governo di Roma dica sì alla democrazia in Venezuela

Juan Guaidó annuncia che le forze armate venezuelane hanno scelto la democrazia.  Potrebbe terminare  la dittatura chavista dell’ex conducente della metro Nicolás Maduro. Già nel febbraio scorso Guaidó  chiese l’appoggio di Roma, che lo negò. La decisione fu sostanzialmente motivata con sofismi sia dai 5 Stelle che dalla Lega: “Decidano i venezuelani, non ci intromettiamo”. Stessa presa di posizione  (“Non ci schieriamo”) di Papa Francesco.

Il Governo italiano sembra talvolta tendere al compromesso, che ha poco a che fare con la negoziazione. Quest'ultima prevede risultati certi, non accomodamenti e giustificazioni. Sì alla "Nuova Via della Seta" - voluta dalla Cina comunista, dittatoriale ed espansionista - ma senza tradire lo storico atlantismo e vigilando… Intanto all’orizzonte si intravedono simili derive. Sì alla Tav, ma realizzandola mini. Sì alle dimissioni del sottosegretario Armando Siri, indagato per corruzione, ma come autosospensione provvisoria. Questa volta l’Italia dica sì - senza se e senza ma -  alla democrazia in Venezuela.

Negli anni 50 il Paese sudamericano - che galleggia sul petrolio - aveva il Pil pro capite più alto del mondo, dopo Usa, Gran Bretagna e Francia. Oggi l’inflazione ha superato il milione per cento, un chilo di carne costa due stipendi e mezzo. È stato calcolato che il 60% dei venezuelani ha perso 11 kg di peso in un anno. Un popolo letteralmente alla fame. In migliaia quotidianamente fuggivano da essa verso il Brasile e la Colombia. Di recente l’elettricità mancava in quasi tutto il Paese. Come succede nella storia, quando le dittature tolgono il pane fino all’esasperazione e all’umiliazione, il cambiamento arriva, come fu per la caduta del Muro di Berlino e la fine dell’Unione sovietica.

Il Governo dica sì alla democrazia in Venezuela anche per i 150mila  venezuelani con passaporto italiano e  per quei due milioni che hanno almeno un antenato italiano. Il 90% dei quali anti-chavista. Già la comunità italiana venezuelana  scrisse a suo tempo al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, da sempre attento alle vicende dei connazionali e della cultura italiana all’estero.

Commenti
    Tags:
    juan guaidónicolás madurosergio mattarella
    in evidenza
    House of Gucci, guarda il trailer Jared Leto irriconoscibile. FOTO

    Lady Gaga guida un cast stellare

    House of Gucci, guarda il trailer
    Jared Leto irriconoscibile. FOTO

    i più visti
    in vetrina
    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


    casa, immobiliare
    motori
    BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green

    BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.