A- A+
Palazzi & Potere
Cingolani agli italiani. "Bollette più care del 40%"
Roberto Cingolani
Lapresse

iù 40% per un impatto medio a famiglia di 247 euro l'anno. È di nuovo caro-bollette e a dare l'annuncio della stangata in arrivo il primo di ottobre è stato ufficialmente ieri il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani.

Dopo il +20% della scorsa primavera, dunque, gli italiani devono prepararsi a nuovi sacrifici (salvo interventi tampone dell'ultima ora). Cingolani, nel corso di un convegno a Genova, ha spiegato l'origine del problema, ovvero il boom dei prezzi delle materie prime, in particolare il gas naturale. Ma ha anche chiamato in causa la transizione energetica auspicando una riforma a trecento sessanta gradi del sistema. Questo perché un'altra causa del rialzo record delle bollette è, invece, legato ai cosiddetti permessi per inquinare, che si pagano in base alla quantità di CO2 emessa. Sono certificati che i produttori di energia sono costretti a comprare per compensare le emissioni, ma il cui prezzo aumenta costantemente in nome della decarbonizzazione e viene poi scaricato in bolletta.

Commenti
    Tags:
    cingolanibolletteluce
    in evidenza
    Formazione continua e lavoro Ecco come superare il mismatch

    La visione di Fondo For.Te.

    Formazione continua e lavoro
    Ecco come superare il mismatch

    
    in vetrina
    Grandi Stazioni Retail, allestito a Milano Sensation on Ice

    Grandi Stazioni Retail, allestito a Milano Sensation on Ice


    motori
    Opel: presenta la Astra Collection

    Opel: presenta la Astra Collection

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.