A- A+
Politicamente scorretto
Il ricordo di Pietro Mennea, emblema della forza di volontà
Repliche, repliche delle repliche, fondi di magazzino, pellicole in bianco e nero ormai ingiallite per la vetustà del nastro, questo è quanto ci offre la programmazione televisiva durante il mese di agosto "santificato" alle ferie per antonomasia.
Però, come nel deserto, dove si possono scorgere oasi verdeggianti in cui trovare ristoro salutare e salvifico, ecco che martedì sera su Rai Uno viene riproposta la fiction che narra l' epopea sportiva (e quella esistenziale) di Pietro Mennea, campione olimpico a Mosca 1980 dei 200 metri piani di atletica leggera e primatista mondiale e detentore del record della specialità per oltre 17 anni.
Un cadeau, lo sceneggiato di Ricky Tognazzi.
Una perla quella narrazione biografica del campione pugliese simbolo eminente dell' atletica italiana, protagonista per oltre due decenni dello sport tricolore, ma anche, e soprattutto, emblema di un 'esistenza votata al sacrificio, alla volontà nel raggiungimento di numerosi traguardi prefissati.
Seguendo le due ore di fiction, che riassumono oltre 20 anni della carriera agonistica di Mennea, esplode dentro me una serie di innumerevoli e piacevoli ricordi della mia infanzia, allorchè il velocista pugliese era una vera icona e un mito da emulare per noi bambini che ci identificavamo nelle sue gesta, nelle sue vittorie, nel suo "modo di correre" caratterizzato da una enorme forza di volontà e da ore e ore di intenso lavoro.
Un ragazzo "mingherlino" Pietro Mennea;  basta osservare i filmati e le fotografie delle sue gare.
Un fisico più da mezzofondista che da sprinter.
Nulla a che vedere con i colossi di oggi (vedasi Bolt), "palestrati" e più simili a body-builders che sembrano gonfiati come la fauna avicola da allevamento intensivo. 
Eppure Pietro Mennea detenne il record mondiale dei 200 metri per oltre 17 anni; ha vinto un oro olimpico, e un bronzo, oltre ad essere stato campione europeo più volte.
Era il prototipo dell' atleta del secolo scorso"; tanto cervello, tanta volontà, tanto lavoro e pochi muscoli (gonfiati). 
Lo sceneggiato televisivo incentra la trama attorno la sua caratteristica peculiare: la capacità di andare oltre i suoi limiti, di sopperire a quelle doti che Madre Natura non gli aveva donato; la strenua volontà di dare sempre il meglio di se stesso e raggiungere traguardi impensabili, impossibili, inarrivabili a detta di molti.
Non aveva una potenza devastante per via del suo fisico minuto, e allora ecco sfoderare dalla sua forza mentale e nervosa, quel quid che gli permetteva di superare e battere gli avversari più forti, più aitanti, più dotati muscolarmente.  
Non possedeva un' uscita dai blocchi di partenza bruciante, ma sfoderava un rush finale da leggenda (rimarranno nella storia dell'atletica gli ultimi 40 metri della finale olimpica dei 200 metri a Mosca quando superò negli ultimi centimetri il velocista britannico Wells)  
Una dote innata, il suo "brain power", ma anche frutto di intensi allenamenti, di enormi sacrifici, di una meravigliosa forza di volontà.
Una caratteristica che lo contraddistinse anche fuori dalla pista di tartan rossa, visto che conseguì 4 lauree, svolse una distinta carriera legale ed economica oltre ad essere stato anche impegnato politicamente, aver scritto diversi saggi, e aver fatto parte dello staff dirigenziale della Salernitana calcio.
Insieme alla moglie diede vita alla fondazione filantropica che porta il suo nome dedita alla diffusione della cultura sportiva e alla lotta al doping.
Era il simbolo della rivalsa, della voglia di vincere, di quel valore che ci insegnano religioni e filosofie: nella vita di ciascuno l'importante è dare sempre il meglio di noi stessi qualunque sia la "missione" da compiere.

Commenti

    Tags:
    menneacampione
    Loading...
    in vetrina
    BELEN IN BARCA: LATO B, SENO ESPLOSIVO, OMBELICO SEXY... LE FOTO

    BELEN IN BARCA: LATO B, SENO ESPLOSIVO, OMBELICO SEXY... LE FOTO

    i più visti
    in evidenza
    Silvio Berlusconi senatore a vita? No, "seratone a vita". Lo striscione

    Costume

    Silvio Berlusconi senatore a vita?
    No, "seratone a vita". Lo striscione


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Renault: la tecnologia ibrida e-tech in Italia con Clio, Captur e Megane

    Renault: la tecnologia ibrida e-tech in Italia con Clio, Captur e Megane


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.