I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Questioni internazionali
Trump cambia strategia nella guerra all'Isis

Gli Stati Uniti di Donald Trump cambiano strategia nella guerra allo Stato Islamico e abbandonano la strada intrapresa da Obama.

Gli Stati Uniti cambiano la strategia contro l’Isis. Lo rivela un’inchiesta del Washington Post pubblicata nell’edizione online.

Secondo il quotidiano Usa, il presidente Donald Trump ha trasmesso un memorandum al Pentagono dove chiede di studiare e elaborare entro fine di febbraio un nuovo piano per combattere e sconfiggere lo Stato Islamico.

E’ l’addio dell’entourage repubblicano di Trump alla strategia militare del democratico Obama. Per la Casa Bianca, la conduzione della guerra all’Isis elaborata dai consiglieri militari di Obama non ha funzionato.

In attesa di conoscere la strategia prodotta dagli sherpa del Pentagono, il Washington Post rivela alcune mosse che costituiranno l’ossatura della lotta allo Stato Islamico nella versione trumpista.

Il presidente degli Stati Uniti farà probabilmente due scelte di posizionamento geopolitico regionale. Scelte che vanno a rovesciare l’assetto attuale in terra nella mezzaluna fertile.

  1. Ordinerà al Pentagono e alla diplomazia Usa di abbandonare ogni collaborazione e supporto con le forze moderate che si oppongono al presidente siriano Bachar al-Assad.
  2. Taglierà la collaborazione anche con le milizie curdo-siriane operative al fianco della coalizione internazionale contro l’Isis (una creatura di Obama) capitanata dagli Stati Uniti.

Entrambe le scelte, se confermate, sono l’apertura degli Stati Uniti alla Russia e alla Turchia.

miliziani anti-Assad filo moderati sono quelli che si sono seduti a Ginevra al tavolo negoziale con i rappresentanti di Assad. Invisi a Vladimir Putin, che li ha bombardati insieme a Assad a Aleppo e nella Siria occidentale, sono stati percepiti come una creatura americana.

curdi siriani sono invece i nemici del presidente turco Erdogan. Collegati con i curdi del Pkk spaventano la leadership turca, che teme la nascita di un forte Stato curdo nella regione. Russia e Turchia insomma non possono non entrare dalla porta aperta di Trump.

La strategia di Trump potrebbe quindi puntare a ottenere un patto solido con russi e turchi per dare l’affondo finale allo Stato Islamico e sbarazzarsi una volta per tutte dei califfi dell’Isis.

Trump in questo parte avvantaggiato. Russia e Turchia hanno siglato un’intesa contro il terrorismo jihadista e hanno messo da parte le tensioni e gli screzi nati un anno e mezzo fa dopo l’abbattimento del jet russo da parte dell’aviazione turca in Siria.

Ora si attende che il Pentagono produca il paper strategico richiesto dal presidente Usa. E vedere gli sviluppi che avrà nella guerra all’Isis e nei rapporti di forza regionali.

Commenti
    Tags:
    donald trumpisisguerra isisstati uniti
    in evidenza
    Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

    Costume

    Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

    i più visti
    in vetrina
    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


    casa, immobiliare
    motori
    Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura

    Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.