Advertisement

Spettacoli

Nel videoclip di "O Madre" Nada balla con una donna-cerva

 

Roma, 20 gen. (askanews) - A un anno dall'uscita dell'ultimo disco di inediti "È un momento difficile, tesoro", Nada rilascia il videoclip di "O Madre", ultimo brano estratto dal bellissimo album pubblicato nel 2019.Il video, che è stato coreografato e diretto da Virglio Sieni, arriva a concludere il cerchio su un anno incredibile fatto di nuova musica, tra nuovi dischi, numerosi concerti e un nuovo libro."Un anno fa usciva il mio ultimo album in studio 'È un momento difficile, tesoro' con la produzione di John Parish - racconta Nada, sottolineando - Volevo che ad aprire l ascolto dell'album fosse 'O Madre', la mia preferita, poi le cose sono andate diversamente. Oggi torno sulla mia prima idea per chiudere un anno bellissimo di concerti e riaprire col video di questa canzone un nuovo tour teatrale. Per realizzare questo video ho cercato l'aiuto di Virgilio Sieni (...). Il video è una poesia fisica in cui l'elemento principale è una donna/cerva che rappresenta l'antica madre, l'eterna madre, forte, concreta, ma anche fragile, chiamata a sostenere la vita. Madre che sfugge, e lascia spaesati nell'incomprensione dell'amore. Madre e figlia si allontanano e si cercano in un eterno rincorrersi".L'artista, al secolo Nada Malanima, ha da poco annunciato la nuova tournée "È un momento difficile, tesoro - Tour Teatrale 2020", che la vedrà sui palchi dei teatri italiani e che arriva dopo un 2019 ricco di soddisfazioni: dopo l'uscita dell'ultimo album di inediti "È un momento difficile, tesoro", seguito da un lungo tour che ha toccato i maggiori club e i principali festival estivi, l 'artista toscana ha pubblicato la speciale raccolta "Materiale Domestico" (novembre 2019) e l'omonimo libro autobiografico (Atlantide, 2019).Ora, sulla scia del rilascio del nuovo videoclip, Nada torna dal vivo nel 2020 con uno spettacolo completamente rinnovato per queste date speciali nei teatri. Al via da Bari (Teatro Forma) l'1 febbraio, tappa a Bologna il 21 febbraio (Teatro Antoniano), il 28 febbraio Montichiari (Bs) al Teatro Bonoris, il 29 a Milano (Auditorium di Milano), il 5 marzo al Teatro Puccini di Firenze e il 30 marzo al Teatro Argentina di Roma.