A- A+
CoffeeBreak
Parenti di topolino in tutto il mondo

Di Marco Volpati

Se a lui, che ha dedicato quasi cinquant’anni alla materia della sua passione, parlate di “cartoni animati” non farà una smorfia come capita agli snob; certo un piccolo brivido gli verrà. Cartoni è un termine troppo vecchio e inadeguato per comprendere appieno il mondo complicato e vastissimo del cinema di animazione. Eppure Giannalberto Bendazzi, nato in Romagna, cresciuto a Milano, giornalista che si è occupato di medicina e di viaggi ma sempre con un unico vero amore, l’animazione appunto, negli anni ’80 aveva pubblicato una prima storia-enciclopedia proprio con il titolo Cartoons. Dopo essere uscita in Italia, venne tradotta nelle principali lingue del mondo. L’animazione è una branca speciale della filmografia che non solo vanta un vasto pubblico, ma i suoi cultori, autori ed esperti formano una comunità, una piccola tribù globale. Proprio per questo Bendazzi, che ha insegnato tra l’altro a Milano all’Università Statale allevando qualche giovane allievo, in diversi periodi della sua vita è stato chiamato come docente in Australia e a Singapore. E non c’è esperto in tutto il mondo che non lo conosca e non si sia divorato la sue opere. L’ultima, probabilmente la più importante, l’impresa della sua vita, Bendazzi l’ha appena pubblicata a Londra, in lingua inglese.

Non è uno sfizio o un’ostentazione: opere scientifiche di vari campi hanno molti lettori, ma non concentrati in un solo paese. Rispetto a Cartoons, che uscì da noi nel 1988 per le edizioni Marsilio, questa volta ha fatto il percorso inverso: si parte dall’inglese, lingua universale della comunità scientifica e letteraria, e poi si proseguirà con edizioni in altre lingue: italiano, forse, per primo. Bendazzi è considerato il massimo esperto mondiale di animazione: non è soltanto uno studioso e critico enciclopedico – non c’è filmografia per quanto geograficamente lontana e “di nicchia” che non abbia conosciuto e indagato – ma anche un viaggiatore instancabile. Non manca mai ad un festival internazionale, e così ha conosciuto di persona praticamente tutti gli autori e sceneggiatori, grandi e piccoli, che all’animazione hanno lavorato. Qualcuno, a dire il vero, non lo ha raggiunto: è il caso dello sceneggiatore del più rilevante lungometraggio prodotto in Iraq, titolo La principessa e il fiume, prodotto a Baghdad nel 1982; era Saddam Hussein, il presidente-dittatore, e la storia aveva una intonazione sentimentale e patriottica insieme. Animation, a World History, è uscito a Londra dall’editore Routledge; in Italia sarà distribuito in alcune librerie accademiche, altrimenti si può ordinare on line.

L’opera è in tre volumi, e sistematizza la materia dividendo la storia dell’animazione in sei periodi. Si parte dalle prime immagini artificiali in movimento, che ancora non erano cinema (perché può sorprendere, ma nacque prima l’animazione, e solo un po’ più tardi il cinematografo dei fratelli Lumière), e si arriva ai giorni nostri con le tecniche computerizzate, passando per l’epopea di Disney e la “rivoluzione” giapponese di Heidi e Mazinga. Bendazzi fissa la nascita del vero e proprio cinema di animazione nel 1908, quando il francese Émile Cohl produsse Fantasmagorie,durata due minuti, con disegni che subiscono divertenti metamorfosi. In ognuno dei sei periodi l’opera esplora dettagliatamente la mappa delle esperienze di animazione nei cinque continenti. Se chiedi all’autore quante filmografie nazionali ha documentato nella sua opera ti risponde ridendo che non se lo ricorda. A contarli tutti, gli stati grandi e piccoli risultano 129: una specie di ONU della fantasia, dove si trova di tutto, dalla propaganda, all’intrattenimento ingenuo, alla pubblicità, fino a vere e proprie forme di arte visiva che ormai sono una branca di quella che abbiamo chiamato per secoli pittura. Ecco: l’animazione è molto di più di un prodotto di successo consumato dai bambini, diffuso ormai non solo in tv ma anche sui tablet, e diventato – accanto ai videogame, che poi dell’animazione sono dei discendenti – la baby sitter globale. E’ un linguaggio, una forma di espressione, un ramo non secondario della cultura; quella di massa, ma spesso anche di élite. Chi vorrà scoprirne tutti i risvolti e le sorprese troverà un tesoro di conoscenze in Animation, a World History di Giannalberto Bendazzi.

Tags:
topolinomondovolpati
in evidenza
Da Diabolik ai Clash: sarà un Natale sostenibile e vintage

"Pre-loved": la tendenza 2022

Da Diabolik ai Clash: sarà un Natale sostenibile e vintage


in vetrina
Bike Economy, i ricavi della filiera crescono del 46% in cinque anni

Bike Economy, i ricavi della filiera crescono del 46% in cinque anni


motori
Mercedes eSprinter: 475 km da Stoccarda a Monaco e ritorno senza ricarica

Mercedes eSprinter: 475 km da Stoccarda a Monaco e ritorno senza ricarica

Maria Paola Guarino

CoffeeBreak

"Il Tempo è la sostanza di cui sono fatto", il libro di Maria Paola Guarino

"Il Tempo è la sostanza di cui sono fatto" è...

Emily Ratajkovsky

CoffeeBreak

Emily Ratajkowski senza veli infiamma Parigi

Il topless della modella Emily Ratajkowski infiamma Parigi...

Mahmood

CoffeeBreak

Mahmood: "È finito sotto!". Ecco che cosa è andato storto con due fan

Due fan chiedono a Mahmood di scattare una foto e qualcosa è...

Chiara Ferragni

CoffeeBreak

Chiara Ferragni: il suo cachet a Sanremo 2023 supera Checco Zalone - FOTO

Il cachet per la co-conduzione del Festival di Sanremo 2023,...

Antonella Mosetti

CoffeeBreak

Antonella Mosetti senza veli manda in tilt Instagram - FOTO

Senza veli e al limite della censura, così Antonella Mosetti...

Carmen Di Pietro

CoffeeBreak

Isola dei Famosi 2022, stasera la finale. Ecco il vincitore

Appuntamento stasera con la finale dell'Isola dei Famosi...

SOLITIDIOTI

CoffeeBreak

I Soliti Idioti, Biggio: "Mandelli e io abbiamo tradito la nostra arte"

"Abbiamo tradito la nostra arte senza accorgercene. Da quel...

Valentino

CoffeeBreak

Buon compleanno Valentino: 90 anni di successi

Il couturier italiano festeggia con stile il suo compleanno Oggi,...

koza nostra

Home

Irma Vitovska, star ucraina di "Koza Nostra": "Aiutateci a vincere la guerra"

“Ho speranza che vinceremo questa guerra, prego tutti di...

Intervista a Jarno Trulli

CoffeeBreak

Jarno Trulli, dalla Formula Uno ai vini. L'intervista

Jarno Trulli si racconta: i ricordi con la F1, l'azienda...

immagine 2021 07 16 124255

CoffeeBreak

Madonna, come sei cambiata! I fans sconvolti dai cambiamenti di "Madame X"

Madonna lancia il documentario "Madame X", ma le sue...

Gustav Klimt Ritratto di signora 1916 17

CoffeeBreak

Piacenza, il quadro di Klimt ritrovato a dicembre è autentico

E' autentico il quadro di Klimt ritrovato a Piacenza...

fedez 6

Spettacoli

Fedez: "Basta con la tv torno a comporre musica"

Fedez si scatena, in una lunga intervista esclusiva concessa...

Coffee Break

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.