A- A+
Coronavirus
Covid, ecco perchè convivere con il virus non è ancora la "nuova normalità"

Covid, per rendere "innocuo" il virus servono politiche sanitarie ad hoc ma l'Italia è ancora al palo. Il commento 

Da settimane il "problema" Covid è stato derubricato da mass-media e Istituzioni a semplice infezione virale delle vie respiratorie, come un banale "raffreddore" stagionale. Una banalità che non corrisponde, almeno ad oggi, alla realtà. I "comuni" patogeni respiratori hanno una diffusione stagionale (semestre freddo), mentre il Sars CoV2 non è caratterizzato da questa caratteristica basti vedere quanto accaduto la scorsa estate con diffusione dei contagi ai massimi livelli e con temperature record di caldo.

Una componente peculiare che rende difficile seguire il mantra che da mesi ci ripetono: si deve convivere con il virus. I dati epidemiologici migliorano da circa un mese e tutto sembra dirigersi verso la fine della pandemia ed entrare nell'era della endemia del covid. Tutto finito, possiamo tirare un sospiro di sollievo?  Non è così per milioni di cittadini fragili affetti da patologie gravi, croniche, e per i loro famigliari conviventi.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
famigliapovertà





in evidenza
Ferragni-Fedez, storia al capolinea Il rapper sarebbe già fuori casa

Le ultime indiscrezioni

Ferragni-Fedez, storia al capolinea
Il rapper sarebbe già fuori casa


in vetrina
A Milano apre Avani Palazzo Moscova: un nuovo hotel "illumina" Porta Nuova

A Milano apre Avani Palazzo Moscova: un nuovo hotel "illumina" Porta Nuova


motori
Opel Astra Hybrid 2024: arriva il motore ibrido a 48 V e cambio DCT6

Opel Astra Hybrid 2024: arriva il motore ibrido a 48 V e cambio DCT6

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.