A- A+
Coronavirus
L'allarme dei medici: "Il Covid-19 dilaga in Africa, rischi dall'immigrazione"

Covid-19, l'associazione medici di origine straniera in Italia denuncia la grave situazione dei contagi in Africa che con l'immigrazione potrebbe creare problemi anche in Europa

L'Africa rispetto ad altri continenti è ancora indietro nella lotta al Covid-19. I vaccinati sono pochissimi e stanno nascendo nuove varianti locali, come quella algerina, di cui in pochi oggi parlano ma che potrebbero dilagare anche in Europa a causa dell'immigrazione. L'allarme arriva da Foad Aodi, presidente dell'Associazione Medici di origine Straniera in Italia, nel suo intervento ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus.

Covid Africa: "Aumentano i contagi in tutto il continente, immigrazione può essere un problema"

"Abbiamo lanciato un grido d’allarme perché in Tunisia c’è un aumento enorme e continuo dei contagiati, più di 10mila al giorno e aumentano anche i morti. Il numero di vaccinati è bassissimo –ha affermato Aodi -. Questo rispecchia il problema di tutta l’Africa. Siamo molto preoccupati per quello che potrebbe succedere anche da noi con l’immigrazione. Io sono sempre stato contro l’allarmismo sui migranti che portano malattie, ma in questa fase non vi nascondo la mia preoccupazione".

"In Africa abbiamo il 25% di aumento dei contagi, il 15% di aumento dei morti.  - a spiegato il medico - I vaccinati completamente in Africa sono solo l’1,5%. Mancano i vaccini. Inoltre sappiamo i servizi sanitari in Africa come sono, in Tunisia gli ospedali sono al collasso. Il programma covax doveva far arrivare i vaccini a tutti i Paesi poveri, ma purtroppo non è accaduto. Il programma covax va solo a colpi di slogan. Con il boom di contagi anche l’India non ha più prodotto vaccini per i Paesi poveri e ha cominciato a pensare per se".

"Ci sono tante varianti di cui non si parla. - continua Aodi - L’Algeria ha chiuso i confini, nessuno entra ed esce, il virus circolando liberamente si è adattato all’ambiente e si è creata la variante algerina. C’è poi la variante del Perù che è la più pericolosa ed è presente in Africa. Ci sono inoltre tante persone nei Paesi arabi che rifiutano i vaccini. Abbiamo bisogno anche di informare queste popolazioni con informazioni corrette".

Covid migranti: raffica di mini sbarchi a Lampedusa

Mentre i medici lanciano l'allarme sui rischi derivanti dall'immigrazione, nelle notte a Lampedusa sono avvenuti una raffica di mini sbarchi. Si parla di sette gli approdi registrati sulla più grande delle Pelagie, dove barchini con a bordo dai 14 ai 16 migranti hanno condotto sull'isola complessivamente 104 persone. Numeri destinati a un continuo aggiornamento con gli uomini della Guardia di finanza e della Capitaneria di porto impegnati nelle operazioni di soccorso senza soluzione di continuità. Nonostante i trasferimenti disposti dalla Prefettura - 110 minori non accompagnati lasceranno stamani l'isola a bordo della nave diretta a Porto Empedocle - le condizioni nell'hotspot restano difficili. Nella struttura di contrada Imbriacola a fronte di una capienza di 250 posti ci sono al momento un migliaio di ospiti.

Commenti
    Tags:
    covid-19coronavirusimmigrazioneaodiassociazione medici straniericovid africa oggicovid africa casicovid immigrati





    in evidenza
    Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce

    La coppia più famosa del giornalismo

    Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce

    
    in vetrina
    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


    motori
    Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

    Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.