A- A+
Coronavirus
Portuali Trieste, "Interruzione servizio? Un anno di carcere e licenziamento"

Portuali, "Interruzione servizio? Un anno di carcere e licenziamento"

Il giorno del Green Pass obbligatorio per tutti i lavoratori del pubblico e del privato è arrivato. Da oggi non si potrà più accedere in azienda senza il documento. Il governo ha deciso di tirare dritto, Draghi non ha arretrato neanche sui tamponi, che resteranno a pagamento. C'è chi però non ha intenzione di rispettare questa legge, tra questi spiccano i portuali di Trieste, che hanno annunciato uno sciopero ad oltranza. Non vogliono il Green Pass per andare a lavorare e sono pronti a bloccare il più grande porto italiano. "Possono rischiare - spiega al Corriere della Sera  Luciano Racchi, avvocato giuslavorista - la sospensione della retribuzione. Ma qualora si venisse a riscontare il reato di interruzione di pubblico servizio ci sarebbero risvolti penali".

"Con questo reato - prosegue Racchi al Corriere - rischiano da sei mesi a un anno di reclusione, oltre a una multa gravosa, una cifra non inferiore ai cinquecento euro. Nel momento in cui la Commissione di garanzia ha dichiarato illegittimo lo sciopero la precettazione scatta in maniera automatica. Secondo il regolamento del diritto di sciopero la precettazione è contingentata, coinvolge il numero minimo indispensabile sufficiente e necessario a garantire il pubblico servizio. Si rischia una sanzione disciplinare che potrebbe portare anche al licenziamento".

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    avvocato racchigiuslavoristamulte interruzione pubblico servizioobbligo green passportuali triesteprotesta portuali triesterischi penali interruzione pubblico servizio
    i più visti

    casa, immobiliare

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.