A- A+
Coronavirus
Covid, lo studente cinese rimasto inascoltato: nel '20 avvisò la sorda Italia

Covid, l'Italia era stata allertata sui rischi del virus da uno studente cinese. Ecco chi è

Ci sono ancora dei punti da chiarire su come il Covid sia riuscito a entrare in Italia nel 2020. Nella puntata di lunedì 10 aprile, a Report si parlerà dell'identità dello studente cinese che nel gennaio 2020 avvisò i vertici della sanità italiana sui pericoli del Covid.  Soprattutto si cercherà di fare chiarezza sul perché non fu ascoltato.

Qualcuno in Italia aveva ben chiaro il rischio per la salute pubblica. Lo studente cinese, originario dell’Hubei, provò a lanciare un allarme alle nostre autorità sanitarie. Il 22 e 23 gennaio 2020 scrisse due dettagliate email a Giovanni Rezza, all’epoca alto funzionario dell’Istituto Superiore di Sanità. Nelle mail la traduzione dei documenti ufficiali della Commissione Nazionale di Sanità della Repubblica Popolare Cinese.

LEGGI ANCHE: Covid, ipotesi fuga di notizie. Probabile indagine su pm Bergamo

Lo studente cinese mise in guardia l’ISS: "Il virus si trasmette facilmente tra asintomatici e i tempi di incubazione sono lunghi. Quindi i termo scanner messi in aeroporto non servivano a niente. Inoltre, suggeriva perfino di mettere in quarantena chi arrivava dalla Cina anche con voli indiretti. L’Italia bloccava solo i voli diretti e non controllava il resto".

LEGGI ANCHE: Covid, il rettore del San Raffaele: "Ringrazio Regione Lombardia"

Lo studente mandò dei video di Wuhan in cui si vedevano medici allo stremo e pazienti che morivano per strada. E avvisò: "Guardate che i dati del governo sono falsati, perché i tamponi non bastavano per verificare quanti sono davvero i contagiati. Molta gente si è ammalata, ma preferisce morire in casa che ammucchiata in ospedale. Nonostante questo il nostro Paese non mette in sicurezza gli ospedali".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cinacovidreportstudente





in evidenza
"Rose Villain? Goduria la sua voce sul nostro tappeto di chitarre"

Finley, l'intervista di Affari

"Rose Villain? Goduria la sua voce sul nostro tappeto di chitarre"


in vetrina
Immobiliare, la battaglia degli spot: Sherlock e Watson sfidano la nonna

Immobiliare, la battaglia degli spot: Sherlock e Watson sfidano la nonna


motori
Winkelmann CEO Lamborghini, prudente sulle BEV il primo modello arriverà nel 2028

Winkelmann CEO Lamborghini, prudente sulle BEV il primo modello arriverà nel 2028

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.