A- A+
Coronavirus
Variante Delta, Fauci: "Livello del virus identico tra vaccinati e non"

Variante Delta: il consulente per il presidente degli USA, Anthony Fauci, lancia l'allarme sulla contagiosità del nuovo ceppo e invita a vaccinarsi

La variante Delta del Covid-19, caratterizzata da una maggiore contagiosità, ha cambiato completamente le carte in tavola nella lotta alla pandemia. Il ceppo indiano del virus pare venga bloccato dagli attuali vaccini ma come sottolinea Anthony Fauci, immunologo e consulente per il presidente USA Joe Biden, nelle persone colpite dalla malattia "il livello di virus nei vaccinati che si infettano, un evento più raro che può verificarsi, è esattamente lo stesso rispetto al livello di virus nelle persone non vaccinate". 

Variante Delta, Fauci: "Le persone vaccinate possono trasmettere il virus"

"Due mesi fa, il livello di virus nelle mucose di un soggetto vaccinato era nettamente inferiore", ha ribadito Fauci in una intervista a "All in with Chris Hayes" della Msnbc. "Il Cdc (Centers for disease control) non ha fatto nessun ribaltone. - ha chiarito Fauci riferendosi alle nuove linee guida che consigliano l'utilizzo delle mascherine al chiuso anche per i vaccinati - Quando è stata fatta la precedente raccomandazione, avevamo a che fare soprattutto con la variante Alfa. Una persona vaccinata, se positiva, avrebbe difficilmente trasmesso il virus. Ora abbiamo a che fare con la variante Delta, che è molto più contagiosa. I dati più recenti, poi, mostrano chiaramente che quando una persona vaccinata viene infettata, può trasmettere il virus. Per questo, le linee guida sono state cambiate".

Variante Delta, Fauci: "Non dobbiamo pensare che l'infezione nei bambini non sia preoccupante"

In merito all'effetto del Covid-19 sui minori, problema oggi molto sentito in Paesi come l'Indonesia, Fauci ha dichiarato: "E' improbabile che una persona vaccinate, seppur positiva, vada in ospedale o muoia. Ma se un vaccinato si infetta, può trasmettere il virus a persone fragili o a bambini non vaccinati: non vogliamo che questo accada. Quando i bambini si infettano, qualcuno di loro si ammala e muore: abbiamo avuto 400 decessi tra bambini per il Covid. Non bisogna pensare che l'infezione tra i bambini non sia preoccupante: dobbiamo proteggerli, anche se è meno probabile un'evoluzione grave della malattia. - continua il medico - Il vaccino è la soluzione più immediata del problema: ci sono 100 milioni di persone in questo paese che non sono ancora state vaccinate. Dobbiamo arrivare a loro e fare in modo che si vaccinino".

Variante Delta, Fauci: "Col vaccino fermiamo la nascita di nuovi ceppi"

"La variante Delta è qui, se arriviamo all'85-90% di popolazione vaccinata, la variante Delta non avrebbe molti posti in cui andare.  - conclude Fauci - Ora, per fortuna, abbiamo abbastanza persone vaccinate e tra loro non avremo un'ondata. La gente non si rende conto di una cosa: finché c'è circolazione elevata del virus, diamo al virus la chance di variare ancora di più e rischiamo una variante peggiore della Delta, una variante che nemmeno i vaccinati potrebbero gestire".

Commenti
    Tags:
    variante deltacovid-19coronavirusfaucivariante delta virulenzavaccino covid 19vaccino variante delta
    in evidenza
    "Governo ma non troppo..." Crozza imita Speranza. VIDEO

    Spettacoli

    "Governo ma non troppo..."
    Crozza imita Speranza. VIDEO

    i più visti
    in vetrina
    Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

    Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


    casa, immobiliare
    motori
    CUPRA Born,ordinabile in Italia

    CUPRA Born,ordinabile in Italia


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.