A- A+
Costume
Affido condiviso: dubbi del governo su ddl Pillon, stop di Spadafora

Crescono i dubbi nel governo e nella stessa maggioranza giallo-verde sul ddl del leghista ex Family day, Simone Pillon, che rivoluziona le norme sull'affido condiviso dei figli minori in caso di divorzio dei genitori. Il ddl, all'esame della commissione Giustizia del Senato in sede redigente - quindi salvo ripensamenti destinato ad approdare in Aula blindato - ha sin da subito suscitato forti critiche da parte delle opposizioni, che ne chiedono il ritiro, incassando il 'niet' anche di esperti e associazioni cattoliche e laiche che operano nel settore. Dubbi e perplessita' condivise dai 5 stelle, che infatti gia' settimane fa, per voce del capogruppo al Senato Stefano Patuanelli, avevano impresso una frenata. E oggi le parole del sottosegretario Vincenzo Spadafora suonano come una pietra tombale sul testo: "Sono in aumento i reati e le violenze sui bambini e sulle bambine, in particolare i reati di pedopornografia e i maltrattati in famiglia. Questo e' grave e deve far rivedere al Parlamento e al governo proposte come il ddl Pillon che in questo senso non aiuta. Mi riferisco ai casi di maltrattamenti in famiglia. Dobbiamo - scandisce a margine della presentazione del dossier 'Indifesa' di Terre des Hommes - assolutamente rivedere quella proposta e far si' che tutte le proposte successive rimettano al centro esclusivamente l'interesse dei bambini e delle bambine. Non ci deve essere alcun arretramento culturale sul tema dei diritti nel nostro paese", mette in chiaro il sottosegretario. Il leghista Pillon, contattato, preferisce non commentare.

Quasi a voler rincarare la dose, Spadafora torna poi sulla questione in un post pubblicato sulla sua pagina Facebook, dove scrive: "Il dato relativo ai maltrattamenti dovrebbe far rivedere sia al Governo che al Parlamento proposte come quella del ddl Pillon, che non aiutano a mettere al centro dell'attenzione l'interesse dei bambini e delle bambine". Una posizione che, viene spiegato, non e' affatto isolata all'interno dell'esecutivo. Del resto, giorni fa era stato lo stesso ministro della Famiglia, il leghista Lorenzo Fontana, a parlare di correzioni al testo, a conferma dei dubbi esistenti anche all'interno dello stesso partito di cui fa parte Pillon. Soddisfatte le opposizioni, che pero' chiedono a Spadafora di passare dalle parole ai fatti, e alla maggioranza di ritirare il testo, e' la posizione della responsabile Infanzia del Pd, Francesca Puglisi, e delle senatrici dem Monica Cirinna' e Valeria Valente. Per Mara Carfagna, esponente di Forza Italia ed ex ministra delle Pari opportunita', "lo stop al ddl e' un sollievo". Per FdI "serve una riforma di buon senso", spiega Augusta Montaruli, che invita a prendere in considerazione la proposta di legge presentata dal suo partito. (AGI) Ser

Commenti
    Tags:
    affido condivisoddl pillonspadafora
    Loading...
    in evidenza
    Wanda Nara, giungla "bollente" Foto che lasciano a bocca aperta

    Lady Icardi da sogno

    Wanda Nara, giungla "bollente"
    Foto che lasciano a bocca aperta

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, c'è la data. Temporali e fresco tornano. Ecco quando

    Meteo, c'è la data. Temporali e fresco tornano. Ecco quando


    casa, immobiliare
    motori
    Alfa Romeo: Giulia e Stelvio Web Edition, pensate per l’e-commerce

    Alfa Romeo: Giulia e Stelvio Web Edition, pensate per l’e-commerce


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.