A- A+
Costume
Divorzio senza finire sul lastrico? Ora c'è il crowdfunding

Rivoluzione nel mondo dei divorzi. D'altronde ormai lasciarsi è sempre meno un tabù e sempre più una questione collettiva, sia a livello sentimentale che... economico. Anni fa sono nati i divorce party per festeggiare l'addio tra coniugi, che dagli Stati Uniti sono gradualmente arrivati anche in Italia. Poi sono spuntate figure come il divorce coach oppure, negli ultimi tempi, anche divorce app, che aiutano a lasciarsi senza troppi litigi e a gestire in modo meno conflittuale la gestione dei figli, programmando tempi e modalità attraverso fogli condivisi su smartphone e tablet. Ancora più recente è la moda del #divorceselfie: gli ex, ovviamente se ci si dice addio in buoni rapporti, si scattano un selfie (spesso direttamente fuori dal tribunale) e lo condividono sul web con amici e parenti, dando così inizio alla loro nuova vita. 

Ora sempre sul web arriva l'ultima novità, lanciata da Plumfund, piattaforma di finanziamento collettivo, che ha ideato la sezione "divorzi", già attiva da qualche settimana. Le sezioni anniversari, pensioni e matrimoni esistevano già da tempo, ma mai i due fondatori Sara e Josh Margulis avrebbero pensato di lanciarsi nel business della separazione. La svolta è arrivata dopo una conversazione con Arianna Huffington, che li ha "illuminati, dicendo loro quanto la sezione del giornale online dedicata al divorzio avesse successo.

E così è nata l'idea di aiutare gli ex coniugi ad aprirsi un fondo di finanziamento: su Plumfund amici, parenti e conoscenti possono così fare una libera donazione per casa e arredamento nuovi, spese di mantenimento, spese per gli avvocati, spese inaspettate (frequenti quando il divorzio non è consensuale), custodia dei figli e altro ancora...

"Nella fase di divorzio si ha bisogno di sostegno, e non solo emozionale, ma anche finanziario", spiega Kevin O’Leary, uno degli investitori, al sito di informazione Quartz. "Monetizzare il divorzio è molto importante perché un matrimonio su due finisce in fallimento".

Un approccio troppo pragmatico? Eppure è la dura realtà. Quante coppie si ritrovano sul lastrico a causa di battaglie legale e assegni di mantenimento. Oltretutto, proprio perché è un tabù, molte persone si vergognano a chiedere aiuto ad amici e parenti. D'altronde, non è da tutti rimanere così in buoni rapporti da farsi un #Divorceselfie e festeggiare insieme sui social network. E allora, se è normale aiutare i neosposi quando cominciano la loro vita insieme, perché non continuare a farlo anche quando i neodivorziati iniziano una seconda vita lontani l'uno dall'altra?

Tags:
divorzio crowfunding
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli

Scatti d'Affari
Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli


casa, immobiliare
motori
Volkswagen ID. Buzz e ID. Buzz Cargo: il Bulli del XXI Secolo in chiave green

Volkswagen ID. Buzz e ID. Buzz Cargo: il Bulli del XXI Secolo in chiave green


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.