A- A+
Costume
E' boom per gli "hybrid workers". Imprenditori, manager, no profit...

 

Qualche mese fa ho scritto di un futuro (prossimo) del lavoro e del modo in cui le organizzazioni reagiscono o potrebbero reagire (https://dirigentindustria.it/notizie/opinioni/il-futuro-del-lavoro.html)al cambiamento in atto.

A distanza di qualche mese voglio invece ragionare su come le Persone si adattano o potrebbero adattarsi a questo cambiamento.

I fattori di contesto sono sempre i medesimi: competizione globale e tecnologia, che portano ad effetti visibili e ad opportunità da cogliere.

Se da un lato infatti le carriere e la stabilità del posto di lavoro sono sempre più a rischio, d'altro lato emergono opportunità di lavoro, conoscenza e azione finora sconosciute.

In queste condizioni si originano una serie di reazioni, difensive o evolutive, che le persone attuano.

Si possono "catalogare" in reazioni difensive i comportamenti di alcuni che tendono per esempio a lavorare sempre più ore per essere competitivi o cercano di difendere i propri privilegi acquisiti con varie forme di comportamenti opportunistici. Definirei queste reazioni come patologiche, perché in ultima analisi danneggiano le organizzazioni e le persone stesse, e pertanto da sconsigliare e disincentivare.Viceversa trovo evidenza di varie reazioni evolutive che portano le persone ad investire sempre più nella formazione continua , nella ridefinizione dei propri obiettivi e in uno sforzo di supporto al cambiamento della società con attività di giveback e di dono.

In particolare vedo una tendenza alla creazione di figure professionali "ibride" che definirei quindi hybrid workers.

Sono professionisti che hanno interessi differenziati e riescono ad essere contemporaneamente, o in fasi successive, sia manager che imprenditori che consulenti che investitori che attori del mondo no profit.

Questa strategia di diversificazione non solo è positiva per il contesto per molti motivi ma è anche molto positiva per le persone stesse che in questo modo imparano , proteggono il proprio status, costruiscono network e opportunità per se stessi e per gli altri.

Un modo molto sano e produttivo di accompagnare il cambiamento e di esserne artefici e promotori.Le organizzazioni possono avvantaggiarsi di questi comportamenti (invece di boicottarli) e il contesto istituzionale può mutare per stimolare e tutelare questa transizione dagli squilibri che un cambiamento di questo tipo inevitabilmente genera.

Sempre più interessanti saranno quindi strutture che supportino questo cambiamento e facciano tesoro delle esperienze e risultanze acquisite.

Questo comporta ovviamente un cambiamento di mindset e di strumenti nelle organizzazioni e nel mondo del lavoro in generale. Questi strumenti sono già presenti o andranno creati e saranno una delle opportunità da cogliere nel prossimo futuro.

Tags:
hybrid workers
in evidenza
Fedez e J-Ax, pace fatta "Un regalo per Milano e..."

La riconciliazione

Fedez e J-Ax, pace fatta
"Un regalo per Milano e..."

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia

Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.