A- A+
Costume
Le novità della Guida Michelin 2023: chi sale e chi scende - I NOMI
Gwendall Poullenec, direttore internazionale della Guida Michelin (Imagoeconomica)

Guida Michelin: chi guadagna la stella e chi la perde

 

Un numero eccezionale di stelle per la nuova Guida Michelin 2023. Con 385 stelle mostra un nuovo record di qualità per la gastronomia in Italia. Tanti giovani chef premiati con le stelle, 20 sotto i 35 anni, e in totale un numero eccezionale di nuove stelle, 40, anche in piccole località di provincia.

Un nuovo tristellato, 4 new entry fra le due stelle e 33 nuove una stella Michelin, oltre a 19 stelle verdi ai ristoratori in prima linea per la sostenibilità.

"Se la stella è inoltre assegnata, annualmente, ai ristoranti migliori della penisola, ecco che in alcuni casi il cambio dello chef conferma la qualità di imprenditori e nuovi talenti in cucina. È il caso del San Giorgio e del Nove in Liguria, dei ristoranti veneziani Oro Restaurant, Local, e Wistèria, il Castello di Fighine in Toscana (sempre sotto l’ala di Heinz Beck), Il Refettorio e Il Faro di Capo d’Orso Andrea Aprea in Campania, Gusto by Claudio Sadler in Sardegna, infine, a Torino, Carignano e Spazio 7. In tutti questi casi i nuovi arrivati hanno mostrato esperienza, tecnica e conoscenza delle materie prime allo stesso livello dei predecessori" dice la Guida.

A guadagnare la terza stella è Orta San Giulio - Villa Crespi di Antonino Cannavacciuolo. I ristoranti tristellati salgono così a 12: Alba - Piazza Duomo; Alta Badia / San Cassiano - St. Hubertus; Brusaporto - Da Vittorio; Canneto sull'Oglio / Runate - Dal Pescatore; Castel di Sangro - Reale; Firenze - Enoteca Pinchiorri; Milano / Navigli - Enrico Bartolini al Mudec; Orta San Giulio – Villa Crespi; Modena - Osteria Francescana; Roma / San Pietro-Città del Vaticano - La Pergola; Rubano - Le Calandre; Senigallia – Uliassi. Le nuove due stelle - che salgono così a 38 - sono: Penango - Locanda Sant'Uffizio Enrico Bartolini; Roma - Acquolina; Roma - Enoteca La Torre; Taormina - St. George by Heinz Beck.

A ricevere la prima stella (attribuita ora complessivamente a 335 ristoranti) invece sono in Campania Amalfi - Sensi e Ariano Irpino - Maeba Restaurant; in Emilia Romagna Rubiera - Osteria del Viandante; nel Lazio Ariccia - Sintesi e Roma - Pulejo; in Liguria Ventimiglia - Balzi Rossi e Ventimiglia - Casa Buono; in Lombardia Crema - Vitium, Lallio - Bolle, Lomazzo - Trattoria Contemporanea, Milano - Andrea Aprea, Milano - Anima, Pavia - Lino, Torno - Il Sereno Al Lago; nelle Marche Gabicce Monte - Dalla Gioconda e Montemonaco - Il Tiglio; in Piemonte Sauze di Cesana - RistoranTino & C. e Torino - Andrea Larossa; in Sardegna San Pantaleo - Il Fuoco Sacro; in Sicilia Bagheria - Līmū, Palermo - Mec Restaurant, Taormina - Principe Cerami, Vulcano (Isola) - I Tenerumi; in Toscana Capolona - Terramira, Casanova di Terricciola - Cannavacciuolo Vineyard, Firenze - Chic Nonna di Vito Mollica, Montalcino - Campo del Drago, Prato - Paca; in Trentino Alto Adige Corvara in Badia - La Stüa de Michil, Lagundo - Luisl Stube, Selva di Val Gardena - Suinsom; in Valle d'Aosta Aosta - Paolo Griffa al Caffè Nazionale; in Veneto Oppeano - Famiglia Rana.

Ad aver perso invece la stella sono: Frosio - Almè; Stube Gourmet - Asiago; La veranda del color - Bardolino; Mistral - Bellagio; Nido del Picchio - Carpaneto Piacentino; Feva - Castelfranco Veneto; I salotti - Chiusi; Astra - Collepietra; La leggenda dei frati - Firenze; La Magnolia - Forte dei Marmi; Dolomieu - Madonna di Campiglio; Parizzi - Parma; Locanda XVI - Venezia; Maxi - Vico Equense; Innocenti Evasioni - Milano. Mentre vengono declassati da due a una stella La Madernassa - Guarente e La Trota - Rivodutri.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
guida michelin 2023





in evidenza
Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar

Guarda le foto

Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar


in vetrina
Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici

Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici

motori
Citroën AMI e il Cubo di Rubik illuminano la Milano Design Week

Citroën AMI e il Cubo di Rubik illuminano la Milano Design Week

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.