A- A+
Costume
Moda e lusso, per l’Italia il 2017 si è chiuso in crescita grazie al turismo

Americani, russi, cinesi e indiani. Il turismo traina le vendite del lusso in Italia

Il settore del lusso è in crescita e la spinta arriva soprattutto dal turismo internazionale. Secondo i dati di Deutsche Bank, dopo un 2016 piuttosto debole, il 2017 si è concluso con una crescita del 6-7% a livello globale, un dato che riflette il momento positivo del settore anche in Italia. La domanda per i beni di lusso cresce soprattutto grazie al turismo, in particolare non domestico: in Europa il 55% delle spese per questa tipologia di beni viene effettuata da consumatori extra EU, in particolare Cinesi ed Asiatici (escluso il Giappone).

Uno scenario confermato anche dalle analisi di Premier Tax Free - azienda leader per i servizi di tax refund - secondo cui, nel 2017, il mercato europeo dello shopping internazionale ha registrato una crescita del 14%, con l'Italia che rimane saldamente la principale destinazione dello shopping di lusso per i turisti stranieri con una crescita di oltre 1/5 (21%).

Con una spesa media di 858 Euro contro i 250 euro dei turisti in viaggio dal vecchio continente, i turisti extra EU - Americani, Russi ma soprattutto l’ondata della nuova classe media composta da Cinesi e Indiani -  si confermano la principale fonte di ricavo per i marchi di alta gamma in Europa e in Italia.

Per il nostro paese, destinazione turistica dal forte potere attrattivo grazie all’ampia offerta di bellezze naturali e artistiche, il binomio lusso/turismo rappresenta un’importante occasione di sviluppo, in particolare per i marchi e le boutique italiane che devono quindi prepararsi in modo strategico e mirato per soddisfare le esigenze dei consumatori globali sempre più evoluti e differenziati.

Come nel caso dei turisti Cinesi, che, secondo i dati di Deutsche Bank rappresentano oggi 1/3 della domanda del lusso a livello globale e potrebbero arrivare nei prossimi anni al 40% (oltre Il 60% dei Cinesi infatti acquista beni di lusso fuori dai confini nazionali).

Per continuare ad attrarre questa categoria di viaggiatori, diventerà fondamentale offrire loro esperienze sempre più personalizzate, a partire dalla semplificazione delle procedure per l’ottenimento del visto fino all’offerta di sistemi di pagamento tramite dispositivi mobili a loro familiari.

I viaggiatori provenienti dalla Cina sono infatti particolarmente propensi all’uso della tecnologia e dei dispositivi mobili.

“Fornire metodi di pagamento familiari ai turisti cinesi come le applicazioni mobili significa rendere il processo d’acquisto più semplice sia per il cliente che per il rivenditore. Anche grazie al nostro recente accordo con Ctrip, la più importante agenzia di viaggi online cinese con oltre 300 milioni di clienti, i nostri brand partner potranno accedere tramite un canale privilegiato ad una delle clientele internazionali più attive e dall’alta capacità di spesa.” sottolinea Sara Bernabè, Country Manager di Premier Tax Free per l’Italia

Anche i periodi di vacanza normalmente associati alle festività nazionali nel mondo -  quali la Golden Week in Cina, Il Ringraziamento negli Stati Uniti - rappresentano un'opportunità sempre più importante per il settore dello shopping di lusso globale. I recenti dati elaborati da Premier Tax Free misurano infatti l’impatto dell’incoming tourism nei periodi festivi internazionali, dimostrando quanto essi si rivelino particolarmente proficui per lo shopping di lusso in Italia e nel mondo.

Le vendite tax free ai turisti cinesi in Italia durante la Golden Week ad Ottobre 2017, sono infatti cresciute su base annua di oltre il 36% e raddoppiate rispetto a quelle di una settimana media nel resto dell’anno. Anche gli arrivi di viaggiatori statunitensi nel mese di novembre hanno registrato un aumento del 33,6%, conseguenza da attribuirsi con buona probabilità al periodo festivo del Thanksgiving (23 novembre).

A fine 2017 - durante le vacanze legate al Natale – i dati di flussi e di vendita tax free nel nostro paese hanno confermato il trend positivo dell’anno. Secondo gli ultimi dati di ForwardKeys per Premier Tax free, gli arrivi internazionali sono aumentati dell’11% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente e le vendite hanno registrato una crescita del 4%. Con un + 14%, i Cinesi rimangono in cima alla classifica degli arrivi anche a conclusione dell’anno. Firenze (+6,5%), Milano (+4%) e Roma (+1%) si confermano le città preferite per gli acquisti tax free: in particolare Piazza Di Spagna a Roma (+ 12%) e Via Sant’Andrea a Milano (+9%) emergono come le vie più amate per il luxury shopping natalizio dei turisti globe trotter.

Dopo un 2016 difficile, l’Italia si affermata come destinazione europea preferita dai turisti extra EU per il 2017, una crescita che ha toccato anche il settore del retail, con un+ 20% di vendite tax free rispetto all’anno precedente, soprattutto grazie agli acquisti da parte dei turisti cinesi, russi e americani aumentati rispettivamente del 32%, 24% e 22%. Secondo le previsioni di Forward Keys per Premier Tax Free riguardanti i flussi di viaggiatori extra UE per il periodo Gennaio - Marzo 2108, gli arrivi cresceranno del 8% e le prime tre nazionalità (Australiani, Brasiliani e Americani) porteranno guadagni a doppia cifra.

 

 

Tags:
moda dati 2017moda crescita 2017deutsche bankmoda turismo dati
in evidenza
Leotta, indiscrezione clamorosa "Pare che Diletta non ha..."

Bomba sul suo futuro

Leotta, indiscrezione clamorosa
"Pare che Diletta non ha..."

i più visti
in vetrina
Vip in vacanza 2021, ecco le mete più ambite, da Ibiza alla Tanzania

Vip in vacanza 2021, ecco le mete più ambite, da Ibiza alla Tanzania


casa, immobiliare
motori
Con Citroen Ami alla scoperta di Monza

Con Citroen Ami alla scoperta di Monza


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.