A- A+
Costume
Nuova piattaforma gratuita per il delivery per ristoranti, pizzerie e bar

Il 4 maggio per l’Italia inizierà la Fase 2. Tra le novità, ci sarà la possibilità per ristoratori e pizzerie di ripristinare (o avviare) il servizio da asporto, sempre nel rispetto del distanziamento sociale. Ristoranti e pizzerie sono chiusi da circa 2 mesi, ma per la riapertura dovranno attendere ancora fino al 18 maggio e, anche in quel caso, i parametri da rispettare saranno rigidi e difficilmente attuabili in alcuni locali.

Per centinaia di migliaia di ristoratori il delivery e l’asporto saranno ancora per molto tempo l’unica fonte di guadagno, ma, purtroppo, non tutti erano già organizzati per proporre il proprio cibo anche così. In molti non hanno un proprio servizio di consegne, né la possibilità di effettuare e pagare gli ordini dal proprio sito. Alcuni si sono rivolti alle apposite app, ma questa soluzione non è attuabile per tutti. Alcune zone d'Italia, infatti, non sono coperte da questi servizi, e quindi non possono essere prese in considerazione. Vi sono poi ristoranti, come le trattorie, che non possono permettersi di pagare il servizio, il cui costo può ammontare anche al 20% dello scontrino, poiché finirebbero con il perdere ogni guadagno.

In supporto della categoria, ha deciso di intervenire Marketing01, azienda Google Partner Premier con numerose certificazioni prestigiose, che opera nel settore del Web Marketing. L'azienda si offre di realizzare per i ristoranti che ne faranno domanda un mini-sito e-commerce, per consentire ai clienti di consultare il menù, effettuare gli ordini e pagare online. Il sito sarà completamente gratuito per tutta la durata dell’emergenza, per aiutare il ristoratore a superare la crisi causata dalla pandemia. Al termine di questo periodo, l'imprenditore valuterà se proseguire il servizio a pagamento o chiuderlo.

“Un periodo così lungo di chiusura forzata rischia di portare molti imprenditori a non riaprire più a causa del danno economico enorme. Inoltre, una volta tornati ad aprire i battenti, il numero dei coperti sarà di circa un terzo, e questo vuol dire, nella migliore delle ipotesi, un terzo dei guadagni". Commenta Paolo Bomparola, fondatore di Marketing01, aggiungendo: "Questo sarà un gravissimo colpo non soltanto per il settore della ristorazione, ma per tutta l’economia italiana. Per questo motivo, ho deciso di offrire questo servizio gratuitamente, augurandoci che possa aiutare i ristoratori a rialzarsi e ad organizzare la propria attività alla luce delle nuove esigenze e disposizioni governative. Tutti i mini-siti saranno ottimizzati anche per i device mobili, sarà possibile inserire il proprio menu e i contatti del proprio locale.”

Loading...
Commenti
    Tags:
    deliveryfood deliveryristorantipizzeriebar
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Covid-19: 1 su 2 pronto ad usufruire dei nuovi bonus per cambiare l'auto

    Covid-19: 1 su 2 pronto ad usufruire dei nuovi bonus per cambiare l'auto


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.