A- A+
Costume
Rabbia, le 10 regole da seguire quando 'parte l'embolo'

Di Daniele Rosa

Omicidi, femminicidi, bullismo,ogni giorno dobbiamo confrontarci con fatti di sangue raccapriccianti. E non basta, la microcriminalità è cresciuta in Italia ,negli ultimi 10 anni, del 123%.
 
Ma cosa si insinua nella testa della gente e la spinge a commettere tali fatti criminali?
Una risposta ha provato a darla Massimo Picozzi, conosciuto profiler e medico, nel suo libro dedicato in particolare agli operatori della sanità, fra i più esposti a rischi imprevisti.
 
IL 2000 SECOLO DELLA RABBIA
 
'Dobbiamo tenere ben presente che - conferma Picozzi - il Novecento è rimasto nella storia come il secolo dell'odio. Il millennio in corso è invece guidato da qualcosa di ancor più primitivo e irrazionale : la rabbia'.
 
Come si riflette questo stato d'animo nei comportamenti di tutti giorni?
 
' In modo drammatico come si può vedere leggendo un qualsiasi giornale, aprendo la televisione o girando per le strade.
E' la rabbia che, ad esempio, arma la mano di quei soggetti che non accettano il rifiuto da una donna. Sempre la rabbia può far diventare un modesto studente nell'autore di una strage, inspiegabile razionalmente. E' ancora la rabbia a spingere  il branco ad ammazzare un coetaneo per futili motivi o un tranquillo cittadino a diventare in auto una specie di belva primordiale'.
 
IL SETTORE SANITARIO ESPOSTO A RISCHIO DI ESPLOSIONI DI RABBIA
 
Vi è un settore lavorativo particolarmente esposto a rischi di esplosioni di rabbia?
 
'Molti programmi di ricerca, portati avanti in diversi paesi, hanno evidenziato che la violenza sul posto di lavoro ha raggiunto proporzioni allarmanti. Nel ventaglio dei target di lavoro più colpiti il settore sanitario sembra essere ai primi posti.
Da questo rischio di esplosione di violenza in ambito sanitario sono colpiti tutti gli operatori della salute, uomini e donne, con più evidenza tra chi opera nei servizi di emergenza, nelle guardie mediche o ambulatori isolati .
 
A RISCHIO MEDICI, I SERVIZI DI EMERGENZA E LE GUARDIE MEDICHE
 
Utili e precisi i consigli contenuti nel volume per togliersi da pericoli specifici.
Più in generale come al solito il buon senso può veramente dare una mano.
Quali le dieci regole d'oro da perseguire per controllarci quando 'scatta l'embolo'?
La Mayo Clinic le ha elencate semplici semplici, quasi ovvie, ma purtroppo non sempre seguite.
 
LE DIECI REGOLE PER FERMARE LA RABBIA
 
Primo: prendersi una pausa e contare fino a dieci, magari allontanandosi un momento dalla persona che ha scatenato la rabbia.
Secondo: appena calmi manifestare le ragioni che hanno scatenato la rabbia.
Terzo: scaricare le emozioni attraverso l'attività fisica.
Quarto: pensare prima di parlare.
Quinto: identificare le possibili soluzioni atte a risolvere il problema.
Sesto: sostenere le proprie ragioni aprendo le frasi con io senza trasferire ad altri la responsabilità.
Settimo: non portare rancore.
Ottavo: usare l'umorismo per rilassare la tensione.
Nono: fare esercizi di rilassamento.
Decimo: se non ce la si fa da soli imparare a chiedere aiuto.
 
Sembra facile.
Purtroppo non osservarle significa situazioni entrare in un vortice di situazioni gravi, eventi delittuosi, rimorsi per la vita.
Iscriviti alla newsletter
Tags:
rabbiaembolorabbia come controllarlarabbia controllo
in evidenza
Barak, nuovo crack della serie A Milan in pole. Ma la Juventus...

Calciomercato

Barak, nuovo crack della serie A
Milan in pole. Ma la Juventus...

i più visti
in vetrina
Belen, "negrita" in bikini nero. Laura Chiatti: "Ma quanto sei bella?". Foto

Belen, "negrita" in bikini nero. Laura Chiatti: "Ma quanto sei bella?". Foto


casa, immobiliare
motori
Mercedes Classe G e GLE: nel 2021 le più vendute del proprio segmento

Mercedes Classe G e GLE: nel 2021 le più vendute del proprio segmento


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.