A- A+
Costume
Rivivrà in un corto la storia della bellissima Bianca di Brienza

La leggenda della bellissima nobildonna di nome Bianca, che nella metà del 1300 viveva nel lusso sfarzoso nel Castello di Brienza, rivivrà in un corto del regista Riccardo Papa per Grapevine studio. E la camera contrassegnata con il nome Rubino di una dimora storica di charme del luogo, che si apre proprio sotto il maniero, potrebbe essere la 366esima stanza del castello medioevale appartenuto dal 1428 alla famiglia Caracciolo. La trama del corto è già pronta, le riprese inizieranno a gennaio. La leggenda della bella Bianca ha lasciato un’impronta indelebile nel ricordo dei burgentini. Nota per vivere nel lusso e negli sfarzi, Bianca pare che possedesse un ingente tesoro fatto di pietre preziose, ori, monili e gioielli: di questi ultimi la nobildonna era talmente innamorata a tal punto che, durante le feste ed i ricevimenti sfrenati che spesso si tenevano al castello, si presentava vestita di soli gioielli. E, ancora secondo la leggenda, pare facesse il bagno in una tinozza ricolma di monete d’oro. La leggenda vuole anche che il suo tesoro fosse custodito in una delle 365 stanze del castello, una per ogni giorno dell’anno. Forse proprio nella 366esima, una stanza segreta ed inaccessibile di cui solo Bianca e la sua fedele ancella  conoscevano il modo per accedervi. Un giorno, però, mentre viaggiava verso Amantea,  Bianca fu rapita dai pirati e portata ad Algeri per essere venduta come schiava. Un ricco pascià però si innamorò di lei e la trattenne con se e da quel momento di Bianca si persero le tracce. E, soprattutto, non si seppe più nulla del suo tesoro che, si narra, dovrebbe trovarsi in un posto segreto sotterraneo di una stanza del castello. Forse una botola o una via di fuga, viste le numerose scappatelle di Bianca dal maniero per incontrare i suoi amanti, che si troverebbe proprio lungo un cunicolo (nella foto) che porterebbe alla stanza detta Rubino de “La Voce del Fiume”. “Il cunicolo -afferma Rocchina Adobbato, titolare della dimora- è venuto fuori durante i lavori di recupero della casa, situata alle pendici e in linea d’aria a poche decine di metri dal castello. Gli stessi speleologi non escludono che possa esserci un collegamento diretto con il maniero. Anche perché durante i lavori di restauro della dimora è stato trovata una palla di un cannone ed altri oggetti”.

La dimora storica nasce dal sogno della giovane imprenditrice burgentina, premio Thalia 2017 per la cultura dell’ospitalità, orgogliosa della sua terra e dall’amore per il suo borgo, tra i più suggestivi della Basilicata..

Commenti
    Tags:
    potenzaromanapolimatera
    Loading...
    in evidenza
    Silvio Berlusconi senatore a vita? No, "seratone a vita". Lo striscione

    Costume

    Silvio Berlusconi senatore a vita?
    No, "seratone a vita". Lo striscione

    i più visti
    in vetrina
    BELEN IN BARCA: LATO B, SENO ESPLOSIVO, OMBELICO SEXY... LE FOTO

    BELEN IN BARCA: LATO B, SENO ESPLOSIVO, OMBELICO SEXY... LE FOTO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Renault: la tecnologia ibrida e-tech in Italia con Clio, Captur e Megane

    Renault: la tecnologia ibrida e-tech in Italia con Clio, Captur e Megane


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.