A- A+
Costume
Trussardi, nel guardaroba femminile si fondono stile folk e glamour
Trussardi

Ci vorrebbe una melodia country, una ballad libera e sofisticata, per descrivere la nuova collezione Trussardi Donna per l’Autunno/Inverno 2016/17. Lo spunto è Jolene, uno dei pezzi più famosi di Dolly Parton. Nella canzone si narra di una donna bellissima, a cui la cantante chiede, come fosse una dichiarazione di ammirazione e insieme di sorellanza, di non sedurre il proprio uomo.

Quel sentimento di stordimento e di consapevolezza, dati dal potere della bellezza femminile, diventano l’estetica portante di tutta la collezione. Alla base c’è un’atmosfera country, immaginaria e mai didascalica. È come se le tracce del guardaroba folk si fondessero con quelle più taglienti e glamour dei look da metropoli.

In bilico, come un ponte gettato tra due mondi, simboli, dettagli e ricordi dialogano tra presente e passato, tra casual e formale. Le stecche, innanzitutto. Nelle giacche e nei capispalla, si imprimono in vita avvolgendo la silhouette. Nei pantaloni alla cavallerizza, invece, conferiscono un inedito aspetto da guêpière.

Il giubbotto di jeans è completamente rivisitato, con montone rovesciato all’interno e velluto a coste sulla superficie. Cappe e cappotti hanno bordature a punto coperta e asole ricoperte di camoscio. Il taglio a sbieco degli abiti impiega velluti, check e tartan dove tradizionalmente ci sarebbe la seta. E la seta a stampa cravatteria, floreale o in all over di frustini e levrieri, si mischia a strati, in un’estetica new romantic che sovrappone giacche, vestaglie, pantaloni, fodere e foulard nello stesso look.

Blu scuro, ruggine, cuoio, grigio, bordeaux: i colori principali hanno i toni astratti di una notte nel West. E bagliori di rosso fuoco o di lilla illuminano l’insieme. Il velluto domina: tridimensionale, a coste larghe, materico. Giocato sulle lunghezze più scenografiche, conferisce una ricchezza forte, morbida, più intima che ostentata.

Negli accessori, gli stivali imperano. A tronchetto o alla cavallerizza, con o senza tacco, riportano corni, speroni e frange. Le borse a postina rivisitano la pelle di coccodrillo con un immaginario patchwork di pelli policrome montate a scaglie, una sull’altra, e poi fermate da minuterie importanti che ricordano le chiusure di rame sui portoni dei palazzi storici.

Il desiderio è sempre lo stesso: fornire alle donne capi rassicuranti, lontani dalle tendenze eppure iconici, riconoscibili nel tempo e nello spazio. Pezzi da indossare sempre perché pensati come un complemento del proprio guardaroba e della propria personalità.

Lo show, più che una semplice sfilata, è una performance. Come già avvenuto per la collezione maschile, presentata all’interno della Pinacoteca di Brera, il Direttore Creativo Gaia Trussardi ha selezionato e riunito talentuosi giovani musicisti che hanno reinterpretato, dal vivo e in chiave contemporanea, i più grandi successi di Elvis Presley, in un’ideale serenata a Jolene.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
collezionegaia trussardisfilatatrussardi





in evidenza
"Rose Villain? Goduria la sua voce sul nostro tappeto di chitarre"

Finley, l'intervista di Affari

"Rose Villain? Goduria la sua voce sul nostro tappeto di chitarre"


in vetrina
Immobiliare, la battaglia degli spot: Sherlock e Watson sfidano la nonna

Immobiliare, la battaglia degli spot: Sherlock e Watson sfidano la nonna

motori
Renault: nuova 5 E-Tech Electric: ordinabile in Italia le prime due versioni

Renault: nuova 5 E-Tech Electric: ordinabile in Italia le prime due versioni

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.