A- A+
Cronache
Alluvione Romagna. Imperial College: colpa dell’uomo, non del cambio climatico
alluvione Emilia

Le istituzioni dicono che è colpa del cambiamento climatico. Invece è di chi ha governato il territorio. Imperial College: il clima in quell’area funziona e funzionerà sempre di più così. Ma se si crede nel Dio della pioggia… anche la Chiesa del Seicento, massima autorità al mondo in quel momento, sosteneva che il Sole ruotasse intorno alla Terra...

 

Le idee delle autorità sono spesso fallaci perché l’interesse di chi governa è quasi sempre mantenere il potere, non cercare la verità, tanto meno trarne le conseguenze.

Quanto c’entra il ruolo del cambiamento climatico globale nelle alluvioni degli scorsi giorni in Emilia Romagna?, si sono chiesti diversi scienziati provenienti da Italia, Paesi Bassi, Francia, Stati Uniti e Regno Unito del World Weather Attribution. Gli studiosi afferenti chi all’Imperial College di Londra, uno dei più importanti istituti di ricerca al mondo che si occupa di scienze, ingegneria, medicina e economia aziendale, chi al Royal Netherland Meteorological Institute e chi al Red Cross Red Crescent Climate Center, hanno smontato, con uno studio, i luoghi comuni della stampa mainstream italiana.

Quanto c’entra? La risposta è: Non molto, quasi niente.

Lo studio, pubblicato qualche giorno fa, mostra come “l'uso del suolo ha un effetto significativo sulla gravità e sugli impatti delle inondazioni fluviali e improvvise. I tipi di copertura del suolo influiscono in modo diverso sul deflusso superficiale, sui tassi di infiltrazione e sulle velocità del flusso e inoltre espongono beni e contribuiscono al danno complessivo”.

Non serve un traduttore per comprendere il discorso. I ricercatori hanno messo a confronto ben “19 modelli utilizzati”, e scrivono: “Nessuno di essi mostra un cambiamento significativo nella probabilità o nell'intensità del verificarsi di un tale evento. Ciò suggerisce che, contrariamente alla maggior parte del mondo, in Emilia-Romagna in primavera non si registra alcun aumento rilevabile delle precipitazioni abbondanti”. Non c’è alcun influenza del cambiamento climatico. Ma se le infrastrutture vengono costruite invadendo fortemente il suolo, e l’Emilia Romagna l’ha fatto in modo massiccio negli ultimi decenni, non perseguendo un equilibrio con la natura, la protezione sociale, il miglioramento della pianificazione urbana, si creano danni rilevanti quando arrivano piogge potenti inattese. I territori non possono reggere nel tempo, come è già accaduto nella storia dell’Emilia Romagna.

Attenendosi al metodo scientifico i ricercatori dei tre istituti hanno dimostrato che nella regione “negli ultimi decenni, la rapida urbanizzazione e il tessuto urbano sempre più denso hanno limitato lo spazio per il drenaggio dell'acqua e aumentato il rischio di inondazioni, il che ha esacerbato gli impatti delle forti piogge”.

La scienza ci dice che la colpa è di chi ha governato il territorio.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
alluvionebonaccinicolpa uomoemiliafraneimperial collegeno cambio climaticoresponsabilitàromagna
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Maneskin, Damiano e Victoria stufi. La band si scioglie? Le indiscrezioni

Le due star vogliono diventare solisti

Maneskin, Damiano e Victoria stufi. La band si scioglie? Le indiscrezioni


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico





motori
La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.