A- A+
Cronache
Animalisti, "salvate le vacche sacre della 'ndrangheta"

Le “Vacche sacre” della ‘ndrangheta non devono morire. Se il prefetto di Reggio Calabria Claudio Sammartino ha emesso la sua condanna di morte per i bovini lasciati a pascolare senza controlli, anche la gente ha voluto dire la sua a gran voce: oltre 8.000 le firme raccolte dalla petizione lanciata su Firmiamo.it (link: http://goo.gl/qQmEIz), ulteriormente rafforzata dal vigoroso supporto dell’Associazione Animalisti Italiani Onlus.

Nonostante il grande movimento popolare e mediatico, nelle ultime ore ha comunque preso il via il sistema di controllo voluto dal prefetto con il conseguente abbattimento degli animali “per ragioni di grave necessità ed urgenza“. Le migliaia di aderenti alla petizione e Animalisti Italiani Onlus continuano però la loro battaglia e chiedono al prefetto Sammartino di fermare subito questa mattanza legalizzata, di sequestrare gli animali e di riallocarli in altre strutture propriamente adibite.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
animalistindrangheta
in evidenza
Ferragni spettacolare a Parigi Calze a rete e niente slip

Le foto delle vip

Ferragni spettacolare a Parigi
Calze a rete e niente slip

i più visti
in vetrina
Briatore innocente, non frodò il fisco con lo yacht. "Fine di un calvario"

Briatore innocente, non frodò il fisco con lo yacht. "Fine di un calvario"





casa, immobiliare
motori
Renault svela gli interni della nuova Austral

Renault svela gli interni della nuova Austral


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.