A- A+
Cronache
Profughi aggrediscono pensionati in metro: VIDEO CHOC
Foto tratta dal Daily Mail

Il Daily Mail ha rilanciato il video choc (se vero) di un gruppo di giovani migranti che attaccano due pensionati tedeschi. La coppia di anziani avrebbe preso le difese di una giovane donna che i rifugiati molestavano in una carrozza della metropolitana di Monaco. Se vero, il video rappresenta un nuovo esempio del difficile inserimento dei profughi dal Medio Oriente in Europa. Ma ci sono anche consistenti sospetti che il video possa essere una montatura, come si sospetta di altri video messi in rete dopo gli eccessi del Capodanno di Colonia.Lo stesso Daily Mail di Londra usa molta cautela nel parlare del video, usando sempre il condizionale.

Il video, che dura 31 secondi, è stato registrato con un telefono portatile ed è stato caricato sul canale Youtube di Don Royal. E' stato anche postato da Tom Roth, di Monaco, su una pagina Facebook, dove sembra che l’unico post di questo profilo sia, da sempre, proprio questo col video e una lunga e dura requisitoria contro i profughi e i rifugiati, con contorno di ricordi di incidenti avvenuti nell’ultimo mese. Una delle cose che lasciano perplessi è che Tom Roth, che si presume giovane, invece di intervenire a difesa della ragazza e degli anziani, se ne sia stato tranquillo seduto limitandosi a riprendere, per solo mezzo minuto peraltro, la scena. Gli aggressori sembrano originari del Medio oriente.

Il post di Tom Roth che accompagna il video su Facebook afferma che “una giovane donna è stata aggredita nella metropolitana. Quando due uomini anziani hanno cercato di intervenire, anch’essi sono stati attaccati. Questo avveniva nel cuore di Monaco in pieno giorno. Io ero seduto in un sedile a 4 posti, davanti a una giovane donna. Nel sedile dietro di lei erano seduti due rifugiati [come faccia a identificarli con tanta precisione non lo dice]. Uno di loro, un giovane, probabilmente di origine araba, ha importunato la donna. Le ha detto qualcosa e poi le ha chiesto perché non gli rispondesse in tedesco. Contemporaneamente appoggiava una mano addosso, sulla schiena. La risposta della donna è stata: Perché mi hai parlato in inglese. “Mentre il convoglio proseguiva la sua corsa, il rifugiato ha colpito con violenza il finestrino. Diversi signori gli hanno gridato di fermarsi. A uno di costoro un rifugiato in giacca marrone ha accarezzato la testa calv in segno di sfregio. Raramente ho visto un scena del genere. L’anziano signore si è alzatoin piedi. Il rifugiato gli si è avvicinato e lo ha preso per il collo. “C’è stata una confusione generale, con alcuni passeggeri che cercavano di inserirsi fra i due. Il profugo che aveva aggredito l’anziano è stato spinto indietro su un sedile mentre altri 3 o 4 rifugiati ci guardavano con rabbia. Ma il gruppo dei tedeschi era forte di 10 – 15 persone e la situazione si è calmata. Quando siamo arrivati ho chiamato la Polizia ma mi hanno risposto che non potevano farci nulla”. 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
anzianiaggreditimetrotedeschipensionati
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"





casa, immobiliare
motori
Opel Astra Sports Tourer fa un salto nell’era elettrica e del design

Opel Astra Sports Tourer fa un salto nell’era elettrica e del design


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.