A- A+
Cronache
Ratzinger rifiuta il ricovero in ospedale, "ma è estremamente sereno"

Ratzinger "estremamente sereno", concelebra messa

"E' sereno, estremamente sereno". Così viene descritto, da fonti vicine al Mater ecclesiae, il Papa Emerito Benedetto XVI. Ratzinger si trova nella stanza da letto al primo piano dell'ex monastero, indossa un camice, e al momento della messa concelebra con una stola che gli viene appoggiata sulle spalle. Ad assisterlo ci sono sempre le quattro memores domini, monsignor Georg Ganswein, e l'infermiere vaticano, fra Eligio. Assistenza viene fornita anche dal medico personale, Patrizio Polisca. Secondo il quotidiano tedesco Bild, Ratzinger avrebbe rifiutato di essere ricoverato in ospedale.

Benedetto XVI e le decisioni sul futuro di Papa Francesco

La dichiarazione fatta ieri da Papa Francesco ha scosso il mondo della Chiesa e non solo. Bergoglio ha detto: "Benedetto XVI è molto malato, vi chiedo di pregare per lui". La voce del papa emerito - si legge sul Corriere della Sera - si è affievolita fino a spegnersi: da alcuni mesi non riesce più a articolare le parole. Per questo ha deciso di restare isolato nel monastero in compagnia di padre Georg e quattro "memores". Nella Santa Sede si è dato corpo al fantasma, se non alla realtà di "due Chiese". Benedetto è stato strumentalizzato di volta in volta da anti bergogliani e bergogliani, per motivi opposti. E non è stato mai chiaro fino in fondo quanto il pontificato emerito abbia influenzato e condizionato quello del papa argentino; e quanto il Monastero Mater Ecclesiae, la «Madre della Chiesa», abbia segnato alcune mosse di Bergoglio e della sua corte di Casa Santa Marta, l’hotel dentro le mura vaticane dove vive dal giorno dell’elezione.

Una tesi sostiene che - prosegue il Corriere - finché le riforme di Francesco sono andate avanti spedite, la sintonia con Benedetto è stata totale. Ma quando si è capito che arrancavano, che apparivano troppo visionarie, è cresciuta la tentazione di vedere nella filiera dei nostalgici di Ratzinger i frenatori, e nel Monastero una sorta di contropotere allo stato latente. Negli ultimi anni si è assistito a uno scontro tra le frange più estreme dei «tifosi» dell’uno e dell’altro. Contro, va sottolineato, la volontà di Francesco e Benedetto. È un conflitto che negli ultimi mesi si è in qualche maniera quietato, o almeno diplomatizzato. Da mesi, ormai, la domanda che si insinua nelle file vaticane non è se ma quando e come Francesco potrebbe rinunciare, una volta scomparso il papa emerito: perché due papi dimissionari sarebbero troppo, e una delle ragioni che finora hanno impedito una nuova scelta traumatica risiede proprio nel fatto che c’è ancora «l’uomo del Monastero». In questi anni è stata una figura ingombrante non solo per le sue rare prese di posizione ma per i suoi silenzi.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
benedetto xvipapa francesco
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi

Guarda le immagini

Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi


in vetrina
Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo

Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo





motori
DS Automobiles, ordinabili in Italia le nuove Hybrid: DS 3 e DS 4

DS Automobiles, ordinabili in Italia le nuove Hybrid: DS 3 e DS 4

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.