A- A+
Cronache
Benigni derubato, condannati i ladri d’arte. Torna a casa la scultura romana

Benigni derubato, restituita all'attore la statua romana trafugata. Condannati i ladri d'arte

Condannato a quattro anni e mezzo per ricettazione e riciclaggio l’antiquario catalano Jaume Peix Bagot, che secondo l’accusa avrebbe acquistato una statua romana del II secolo trafugata nel 2010 dalla villa sull’Appia Antica di Roberto Benigni.

LEGGI ANCHE: Furto in casa del parrucchiere dei vip: sottratti denaro, orologi e gioielli

Il tribunale di Roma ha disposto che risarcisca con 20mila euro il regista e la consorte. Inflitti tre anni al gallerista spagnolo Felix Correa, imputato per aver comprato la statua di Diana asportata da Villa Borghese nel 2005 e una testa votiva femminile in terracotta del III secolo a.c. trafugata dal Castello di Borgo Pratica di Mare.

I giudici della decima sezione penale hanno poi emesso 15 sentenze di intervenuta prescrizione, nell’ambito del processo a carico di una presunta banda che avrebbe rubato opere d’arte nelle dimore dei vip dal 2010 al 2013, sulla direttrice Italia-Spagna.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
artebenignicondannafurtoladri
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari va in rete

MediaTech

Affari va in rete


in vetrina
Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini

Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini





motori
DS Automobiles svela la Collection Antoine de Saint-Exupéry

DS Automobiles svela la Collection Antoine de Saint-Exupéry

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.