A- A+
Cronache
Blitz antimafia: arrestati i figli di un ex boss della Magliana e di Senese
Antimafia

Roma, maxi operazione antimafia della Dia: più di 50 indagati, sequestrati 130 milioni di euro 

Una maxi operazione condotta dalla Direzione investigativa Antimafia di Roma ha portato all'arresto di 18 persone, al sequestro di 131 milioni di euro e all'iscrizione nel registro degli indagati di 57 individui. L'attività del Centro operativo della Capitale, con il coordinamento della Dda, ha avuto copertura nazionale e ha portato alla scoperta di una vera e propria centrale di riciclaggio con sede a Roma, ma operante in tutto il territorio italiano. I 18 destinatari dei provvedimenti cautelari, disposti con un'ordinanza dal gip di Roma, sono ritenuti gravemente indiziati di far parte di due associazioni mafiose radicate nella Città Eterna e finalizzate alle attività di estorsioni, usura, fittizia intestazione di beni, riciclaggio, autoriciclaggio e reimpiego in attività economiche di proventi illeciti. Tutti i reati commessi sono considerati un aiuto ai clan Mazzarella - D'amico (Camorra), Mancuso e Mazzaferro ('Ndrangheta) e al clan Senese. Oltre al sequestro del denaro (131 milioni di euro in totale), gli indagati e gli arrestati, il gip di Roma ha disposto il sequestro preventivo di 3 società coinvolte. 

Chi sono gli arrestati e come si sono svolte le indagini 

Tra le 18 persone tratte in arresto questa mattina ci sono Antonio Nicoletti, il figlio dell'ex storico esponente della banda della Magliana, Enrico Nicoletti, e Vincenzo Senese, il figlio di Michele Senese, ritenuto il capo della camorra a Roma. In manette sono finiti anche il produttore cinematografico Daniele Muscariello e il manager musicale Angelo Calculli. Arrestati anche Roberto Macori e Salvatore D'Amico.

Le indagini sono iniziato nel marzo 2018 e, nel corso degli anni, hanno permesso alla Dia, con il coordinamento della Dda, di individuare la centrale di riciclaggio in questione. L'attività criminale si sarebbe avvalsa della forza di intimidazione del vincolo associativo e della condizione di assoggettamento derivante sia dagli stretti legami con la mafia che per l'immediata disponibilità di armi da guerra e comuni da sparo. In particolare, sono emerse "convergenze di interessi di mafie storiche e nuove mafie e in particolare del clan D'Amico-Mazzarella, e delle cosche calabresi Mancuso e Mazzaferro e della famiglia Senese", si legge in una nota pubblicata dalla Procura di Roma. 

Di cosa si occupava la centrale scoperta dagli inquirenti

L'attività criminale legata alla mafia si organizzava in due associazioni distinte che si occupavano di riciclare "ingenti profitti, infiltrando progressivamente attività imprenditoriali in apparenza legali operanti in molteplici campi" come "la cinematografia, l'edilizia, la logistica, il commercio di autovetture e di idrocarburi". Sempre nella nota, si legge: "In termini di gravità indiziaria, contestualmente ai reati di natura economico finanziaria, circostanziati anche dalle attività di accertamento fiscale delegate al Nucleo Pef della Guardia di Finanza di Roma, i componenti delle due organizzazioni sono risultati anche dediti alla commissione di una serie di delitti in qualche modo strumentali ai primi (delitti di estorsione e usura) tanto per regolare partite di 'dare e avere' tra loro o con terzi quanto per legare a sé gli imprenditori indispensabili per alimentare l'illecito profitto. In tale ambito, emergeva la riserva di violenza delle due associazioni, sia per la forza di intimidazione derivante dagli stretti legami con le organizzazioni criminali mafiose che per l'immediata disponibilità di armi da guerra e comuni da sparo".

LEGGI ANCHE: Mafia-appalti, guai per Gioacchino Natoli: ex pm indagato per favoreggiamento

Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni

Così è rinato il tennista azzurro

Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico





motori
Luca de Meo CEO Renault: "serve flessibilità per la transizione ai veicoli elettrici"

Luca de Meo CEO Renault: "serve flessibilità per la transizione ai veicoli elettrici"

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.