A- A+
Cronache
Bonus cultura 18enni e spese illegali: maxi truffa tra Napoli e Catanzaro

Bonus cultura per i 18enni, negoziavano la misura di welfare con  beni informatici: la maxi truffa tra Napoli e Catanzaro 

Bonus cultura 500 euro per i 18enni di nuovo al centro della bufera mediatica. Dopo il possibile stop da parte del governo Meloni, che starebbe studiando di ridistribuirne i fondi, ovvero 230 milioni di euro, nel welfare dello spettacolo, spunta una maxi truffa tra Napoli e Catanzaro. Una recente inchiesta della magistratura ha stanato diversi “meccanismi truffaldini” legati al 18 app.

Nel mirino degli inquirenti la validazione dei buoni per compravendite mai avvenuti, reclutamento dei titolari del bonus con catene di passaparola per indurli alla spesa illegale e a intascare una percentuale ed errata applicazione delle aliquote Iva sui beni acquistati con i voucher. Atti illegali che ammontano ai danni dello Stato, secondo le carte giudiziarie in possesso dell'Agi, 600mila euro a Napoli e 1,4 milioni di euro a Catanzaro.

Le truffe sono state possibili solo con il concorso volontario e consapevole dei neo maggiorenni destinatari del bonus, che si prestavano a negoziarlo in maniera artificiosa e truffaldina", scrive il Gip di Napoli, Antonio Baldassarre, nella sua ordinanza del 18 maggio 2022 ha disposto l'arresto di varie persone, tra le quali il titolare di un negozio di informatica e telematica e sua moglie, e il sequestro di un importo pari al valore delle somme truffate allo Stato, ovvero 590.152 euro, a carico di 16 indagati.

Il provvedimento del Gip si basa su indagini della Guardia di finanza, che hanno messo in luce, come si legge nell'ordinanza, l'esistenza di "una organizzazione stabilmente destinata all'accettazione e successiva validazione dei buoni del valore di 500 euro ciascuno", e alla successiva emissione di fattura "giustificandola con la compravendita, in realtà mai avvenuta, di beni funzionalmente destinati alla spendita del bonus". Un sistema con cui gli indagati, secondo il Gip, "inducevano in errore la Consap".

L'organizzazione napoletana ruotava attorno al negozio dei due coniugi, e alle figure che il Gip definisce "capo maglia", ossia il soggetto che si incaricavano "di raccogliere presso i propri conoscenti i buoni". Uno di questi "capi maglia", che utilzzava per i contatti con i diciottenni titolari del bonus il cellulare della madre, secondo l'accusa ha guadagnato con le truffe oltre 300.000 euro.

 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bonus culturamanovratruffa
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar

Guarda le foto

Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar


in vetrina
Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici

Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici





motori
Citroën AMI e il Cubo di Rubik illuminano la Milano Design Week

Citroën AMI e il Cubo di Rubik illuminano la Milano Design Week

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.