A- A+
Cronache
Carabiniere corrotto, "borse di Louis Vuitton e biglietti per la Scala"
Oreste Liporace

Generale dei carabinieri arrestato, i regali in cambio degli appalti. L'inchiesta su Liporace

Lo scandalo corruzione smascherato dalla Procura della Repubblica e dalla Guardia di Finanza di Milano ha portato ieri all'arresto del generale Oreste Liporace, già comandante dei carabinieri del secondo reggimento allievi, marescialli e brigadieri di Velletri, al centro secondo l'accusa di una rete di rapporti, tangenti e regalie per pilotare appalti pubblici. Oltre a Liporace, finito ai domiciliari, - riporta La Repubblica - sono stati coinvolti anche l'imprenditore Ennio De Vellis e i fratelli Massimiliano e William Fabbro, che con il loro gruppo multiservizi erano già finiti nei guai in due inchieste a Milano. I quattro sono accusati a vario titolo di corruzione, turbata libertà degli incanti e traffico d’influenze.

Leggi anche: Corruzione: arrestato un generale, indagato capo-dipartimento del Ministero

Lo stretto rapporto tra Liporace (arrestato dai Ros) e Massimiliano Fabbro ha garantito all’imprenditore - in base a quanto risulta a La Repubblica - un appalto da 700 mila euro per le pulizie della caserma all’epoca guidata dal militare. Ricompensato poi con 22 mila euro, biglietti per lo Stadio Olimpico, per la Scala a Milano per il Macbeth, auto a noleggio, borse Louis Vuitton per oltre 11 mila euro. Diverse sono state trovate nella sua casa. "Le borse erano legate all’appalto?", chiede il pm Storari quando interroga Fabbro. "Certamente", risponde lui. Le richieste avvenivano sempre allo stesso modo. Liporace mi fece avere un biglietto con degli articoli di Vuitton da acquistare (…). Non me la sono sentita di dire di no, anche perché avevo la convenienza, temevo che una risposta negativa avrebbe inficiato l’affidamento, che comunque dava margine".

Con loro - prosegue La Repubblica - sono indagati anche Lorenzo Quinzi, dirigente a capo del dipartimento per gli Affari generali e la digitalizzazione del Mit (turbata libertà degli incanti) e anche il presidente di FederTerme Massimo Caputi, accusato di corruzione per un finanziamento da 700 mila euro ottenuto da Quinzi per le terme di Chianciano, in cambio dell’assunzione di una donna vicina a Quinzi. "Senti, - si legge nelle intercettazioni e lo riporta La Repubblica - mo che viene la primavera devi venire giù eh… Ci facciamo una bella mangiata. Porta chi vuoi portare, 5, 6, 10... Facciamo un’ammucchiata tutti quanti".

"Lo sai - prosegue - che ti voglio bene, Lorenzo". Grande è l’affetto che l’imprenditore Ennio De Vellis — mister "Sono a disposizione" — nutre per Lorenzo Quinzi, dirigente del ministero guidato da Matteo Salvini, dal 19 gennaio a capo del dipartimento per gli Affari generali e la digitalizzazione, una lunga carriera nelle stanze dei bottoni. Adesso indagato per turbata libertà degli incanti. In occasione di un ponte tra il 1° e il 5 novembre 2023, Quinzi - in base alle intercettazioni riportate da La Repubblica - chiama l’imprenditore: "Se fosse possibile, potrei andare 3-4 giorni a Sestriere?". Lì, infatti, De Vellis possiede un residence. La risposta è ovvia: "Certo, sì".

Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Roma, ecco dove vive Nunzia De Girolamo. L'appartamento a Prati è strepitoso

Il nido d'amore con Boccia (Capogruppo Pd al Senato)

Roma, ecco dove vive Nunzia De Girolamo. L'appartamento a Prati è strepitoso


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico





motori
EICMA celebra 110 anni: pronta l'edizione 2024

EICMA celebra 110 anni: pronta l'edizione 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.