A- A+
Cronache
Chiude la storica libreria di Tullio Pironti. Napoli perde un pezzo di storia

Napoli, a Port’Alba verrà dedicata una targa al pugile editore Pironti ma la storica libreria viene sfrattata

Tullio Pironti, pugile, editore e scugnizzo napoletano, deceduto il 15 settembre 2021, aveva fondato negli anni '70 una libreria diventata storica. Se da una parte, nei prossimi giorni, al compianto pugile-editore verrà dedicata una targa commemorativa, dall'altra gli verrà assestato un montante in pieno viso: la sua storica libreria ha ricevuto lo sfratto dai proprietari dell'immobile in piazza Dante ed è stata costretta a chiudere.

Che fosse in crisi lo sapevano tutti, ma il cambio gestione prima della stagione estiva aveva fatto ben sperare. Invece la settimana scorsa la chiusura. Napoli perde un pezzo di storia, che meritava più tutela. Tra quegli scaffali sono passati premi Nobel, grandi giornalisti d’inchiesta, scrittori americani di best seller mondiali.

Intanto la Commissione toponomastica del Comune ha dato l'ok per titolare a Pironti largo Port’Alba, dove ci sono le aiuole e il busto di Domenico Martuscelli, che, per primo in Italia, creò un istituto per l’assistenza dei ciechi. Secondo la legge, la modifica ufficiale del nome in largo Tullio Pironti editore dovrebbe avvenire a dieci anni dalla morte, quindi tra altri otto anni. Salvo deroghe, come quelle concesse per via Pino Daniele, o, al Vomero, piazzetta Aldo Masullo.

In attesa della deroga, la settimana prossima, nello spazio che sarà dedicato all’editore, verrà apposta una targa di marmo in suo onore alla presenza del sindaco Gaetano Manfredi.

"Ho amato questa città, l’ho odiata, in alcune occasioni con i miei libri ho pensato di aiutarla a sopravvivere e a crescere, altre volte ho commesso errori e mi sono pentito. Mi sono battuto contro i grandi gruppi editoriali e ho fatto alleanza con i piccoli. Mai, mai però, ho pensato di andarmene da Port’Alba. Quando non ci sarò più, spero che la gente si ricordi di me": questo diceva Pironti, nei mesi prima di morire.

"Pironti era un cittadino napoletano ma prima ancora un cittadino di piazza Dante e di Port’Alba. Passare di qui significava andare a trovarlo, o almeno lanciare un’occhiata nella sua libreria per vedere se lui stava dentro, dietro al bancone o dietro la scacchiera. E stai sicuro che se non stava al suo posto, lo trovavi al bar a offrire un caffè o una spremuta a un amico. Forse un giorno riusciremo anche a porre un busto di Pironti nel largo, magari vicino a quello di Martuscelli, che è stato uno dei primi insegnanti di strada, vissuto nell’800. Pironti è stato un editore di strada, che aiutava i giovani e investiva nel nuovo" commenta chi lo conosceva. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
libreria pirontinapolipiazza dantesfratto
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Elodie va in gol: San Siro e al Maradona, ma è mistero sui manifesti. Date e indizi

Annuncio col giallo

Elodie va in gol: San Siro e al Maradona, ma è mistero sui manifesti. Date e indizi


in vetrina
Pepsi, ristorante temporaneo in Duomo a Milano: atmosfere vintage e gusti americani

Pepsi, ristorante temporaneo in Duomo a Milano: atmosfere vintage e gusti americani





motori
FIAT Professional, arriva il cambio automatico AT8 sul nuovo Ducato

FIAT Professional, arriva il cambio automatico AT8 sul nuovo Ducato

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.