A- A+
Cronache
Allarme della Coldiretti: "Frutta spagnola tossica"

"E' allarme in Italia per la presenza di frutta spagnola 'tossica' perche' trattata con una sostanza pericolosa per la salute utilizzata per allungarne la conservazione". Lo denuncia la Coldiretti nel chiedere, con un comunicato, controlli con il blocco immediato delle importazioni dalla Spagna dopo che i Ministeri della Salute e dell'Ambiente hanno vietato l'uso di agrofarmaci contenenti la molecola etossichina che sono invece ancora permessi in Spagna.

"Una misura necessaria per tutelare la salute dei consumatori e difendere i produttori italiani dalla concorrenza sleale" ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel chiedere che "il Governo si adoperi a livello comunitario per la definizione di norme che siano comuni a tutta l'Ue". Per evitare amare sorprese, conclude la Coldiretti, e' bene verificare sull'etichetta la provenienza della frutta.

Intanto, segnala sempre la Coldiretti, gli acquisti familiari di frutta e verdura degli italiani sono crollati di oltre il 20 per cento, a causa della crisi, per un quantitativo che nel 2014 e' sceso addirittura al di sotto dei 400 grammi per persona raccomandati dal Consiglio dell'Organizzazione Mondiale della Sanita'. Lo ha detto la Coldiretti all'apertura del Macfrut, la rassegna internazionale del settore ortofrutticolo inaugurata dal Ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina. Si tratta degli effetti - sottolinea la Coldiretti - della spirale recessiva tra deflazione e consumi iniziata dal 2007 che sta mettendo a rischio le imprese e la salute dei consumatori e che occorre rompere per dare a tutti la possibilita' di acquistare con fiducia la componente piu' importante della dieta estiva degli italiani.

Secondo il rapporto Istat/Cnel 2013 sul benessere in Italia - continua la Coldiretti - solo il 18,4 per cento della popolazione ha consumato quotidianamente almeno quattro porzioni tra frutta, verdura e legumi freschi che garantiscono l'assunzione di elementi fondamentali della dieta come vitamine, minerali e fibre che svolgono una azione protettiva, prevalentemente di tipo antiossidante. Il calo e' ancora piu' preoccupante per bambini e adolescenti con il numero di coloro che mangiano frutta e verdura a ogni pasto che e' sceso al 35 per cento mentre quelli che la mangiano una volta al giorno sono passati al 35 per cento nel 2013 e si registra anche un aumento di coloro che non l'assumono o lo fanno un massimo di 2 volte a settimana (31 per cento). Gli effetti - conclude la Coldiretti - si fanno sentire sulla produzione agricola con i prezzi pagati al produttore che sono per la maggior parte delle varieta' ben al di sotto dei costi di produzione mettendo cosi' a rischio il frutteto italiano. 

Tags:
coldirettifruttaomsfrutta tossicafrutta spagnola
in evidenza
Energia e misurabilità ESG Svolta nel libro di Dal Fabbro

Transizione green

Energia e misurabilità ESG
Svolta nel libro di Dal Fabbro

i più visti
in vetrina
Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari
Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare





casa, immobiliare
motori
Tre smart EQ in dotazione alla Polizia Locale di Genova

Tre smart EQ in dotazione alla Polizia Locale di Genova


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.