A- A+
Cronache
Colpo alla famiglia mafiosa di Campofranco, 9 arresti dei carabinieri

Colpo alla famiglia mafiosa di Campofranco, 9 arresti dei carabinieri

Operazione antimafia in provincia di Caltanissetta. I carabinieri, coordinati dalla Dda nissena, hanno inferto un duro colpo al clan di Campofranco: sono 10 le persone alle quali, nel corso delle indagini preliminari, sono state applicate misure cautelari (7 in carcere e 3 agli arresti domiciliari). Uno di loro risulta irreperibile ed e' ricercato. Tutti sono indagati per il reato di associazione di tipo mafioso, estorsione aggravata dal metodo mafioso e dalla disponibilita' di armi, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti in concorso.

L'indagine è stata avviata nell'ottobre 2022, monitorando i rapporti di frequentazione di Angelo Schillaci dopo la sua scarcerazione per associazione mafiosa. E' stato accertato come gli indagati, la maggior parte dei quali presunti appartenenti alla famiglia mafiosa di Campofranco, avessero tentato la riorganizzazione del gruppo criminale, con un particolare interesse al reperimento di armi e alla costituzione di una "cassa comune" attraverso i proventi illeciti delle estorsioni e dello spaccio di sostanze stupefacenti. Documentati quattro tentativi di estorsione ai danni di alcune ditte impegnate in lavori di rifacimento di opere pubbliche nei Comuni di Campofranco e Milena (anche attraverso atti intimidatori) e di un operatore commerciale di Campofranco, nonche' tre estorsioni a imprenditori e operatori commerciali. Identificato l'attuale capo, e accertati rapporti di collaborazione con gli affiliati di Milena e della provincia di Agrigento.

LEGGI ANCHE: Mafia, guai per il candidato sindaco e rettore di Sassari: "Non mi ritiro"

La famiglia mafiosa campofranchese, nota anche come clan Vaccaro per la ultraventennale riconducibilita' del vertice ad appartenenti alla famiglia di sangue dei fratelli Domenico e Lorenzo Vaccaro, e' stata sempre al centro degli equilibri di mafiosi della provincia di Caltanissetta, anche del livello regionale per l'altissimo profilo criminale dei suoi capi, a partire proprio da Domenico Vaccaro, ultimo rappresentante provinciale della Cosa nostra nissena, che aveva assunto un ruolo rilevante negli equilibri della Mafia siciliana negli anni immediatamente successivi alla cattura del capo storico Salvatore Riina perche' individuato come sostituto del capo della Commissione provinciale, Piddu Madonia. Le attivita' svolte dal Nucleo Investigativo, con la collaborazione sul territorio prestata dal personale della Compagnia carabinieri di Mussomeli, hanno permesso di appurare come la famiglia" di Campofranco, apparentemente in difficolta' per la carenza uomini in liberta', avesse continuato a operare efficacemente sul territorio mantenendo un controllo dello stesso attraverso individui gia' noti ed altri "avvicinati" e "riservati", reclutati nel periodo piu' recente. Nel corso delle attivita', tra l'altro, sarebbe emersa l'acredine ddi Schillaci nei confronti di un mafioso attualmente collaboratore di giustizia, tanto da pensare di attuare delle azioni ritorsive nei suoi confronti.

Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
La rivoluzione di Spalletti: 4 cambi in formazione (e un dubbio...)

Italia-Croazia

La rivoluzione di Spalletti: 4 cambi in formazione (e un dubbio...)


in vetrina
Il Made in Italy protagonista a New York: al via la fiera culinaria "Fancy Food Show"

Il Made in Italy protagonista a New York: al via la fiera culinaria "Fancy Food Show"





motori
Audi RS 3: nuovo record al Nürburgring

Audi RS 3: nuovo record al Nürburgring

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.