A- A+
Cronache
Corte Strasburgo boccia l'Italia sulla legge sull'ergastolo

Corte Strasburgo: Italia viola diritti umani con legge sull'ergastolo

Le disposizioni che in Italia regolano la pena dell'ergastolo ostativo, piu' comunemente noto con l'espressione "fine pena mai", violano l'articolo 3 della Convenzione europea sui diritti umani (divieto di trattamenti degradanti e inumani) e il generale rispetto della dignita' umana, alla base della Convenzione stessa. Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani di Strasburgo, nella sentenza sul caso Marcello Viola, condannato all'ergastolo a fine anni '90 per i reati di associazione mafiosa, omicidi e rapimenti e che si e' visto respingere le richieste di uscita dal carcere, nonostante l'accertata buona condotta e un cambio positivo della sua personalita'.

I giudici, che hanno condannato l'Italia al pagamento di 6 mila euro a Viola per i costi legali, hanno stabilito che "e' inammissibile deprivare una persona delle sue liberta', senza tendere alla sua riabilitazione e offrirgli la possibilita' di riottenere la liberta' in futuro". L'ergastolo ostativo, infatti, prevede tra e altre cose che il condannato non possa ottenere, come gli altri detenuti, nessun sconto di pena e permessi d'uscita, a meno che non collabori con la giustizia. Questa scelta, pero', - fa notare la Corte di Strasburgo - non e' "libera", perche' alcuni condannati hanno paura che questo "metta in pericolo la loro vita e quella dei loro familiari"; inoltre, collaborare non implica automaticamente che il condannato "non sia piu' fedele a valori criminali o abbia tagliato i legami con organizzazioni di tipo mafioso". La decisione di Strasburgo non comporta la liberazione di Viola, di cui i giudici non negano la gravita' dei reati commessi. 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    corte strasburgoergastolo
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili





    casa, immobiliare
    motori
    Con Sensify, Brembo rivoluziona il modo di frenare

    Con Sensify, Brembo rivoluziona il modo di frenare


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.